Love

Ghosting in amicizia: quando a scomparire è un’amica

ghosting in amicizia
Il ghosting può capitare anche in amicizia, non solo nelle relazioni di coppia, e il trauma può essere anche peggiore: ecco come affrontare un amico o amica che sparisce senza spiegazioni

Se ne parla spesso in ambito delle relazioni, ma il ghosting in amicizia esiste e fa male esattamente quanto quello più “comune” che può avvenire in una frequentazione o in una vera e propria relazione di coppia. L’abbandono improvviso di un partner è certo un evento traumatico, ma se a sparire senza nemmeno una parola, una spiegazione, è un’amica o un amico, il dolore è lo stesso. Anzi, in alcuni casi anche peggiore.

Se hai seguito il reboot di Sex and The City, hai assistito alla rappresentazione di questo fenomeno. Nella prima puntata di And Just Like That, scopriamo che fine ha fatto Samantha, la “grande assente” del quartetto storico di amiche composto da Carrie, Miranda, Charlotte e Samantha, per l’appunto. Attenzione, a questo proposito potresti incorrere in uno spoiler se non hai ancora visto l’episodio.

All’inizio della puntata, Bitsy von Muffling si imbatte in Carrie, Charlotte e Miranda in un ristorante, e notando la mancanza del «quarto moschettiere», chiede notizie della bionda PR. È proprio Carrie a rivelare che la sua (ex, a questo punto) migliore amica ha troncato la loro amicizia per motivi professionali. Carrie, infatti, non ha voluto assumere l’amica come addetta stampa per la promozione del suo ultimo libro. Samantha ha reagito in maniera estrema, chiudendo qualsiasi rapporto con lei e trasferendosi a Londra. In poche parole, Samantha ha fatto ghosting in amicizia.

VEDI ANCHE 4 cose che dovrebbero farti capire che un’amicizia sta diventando tossica Lifestyle4 cose che dovrebbero farti capire che un’amicizia sta diventando tossica

Cosa è il ghosting in amicizia

Quello di Samantha – la cui assenza dal reboot, come forse sai, è legata a veri dissapori tra le attrici Sarah Jessica Parker (Carrie Bradshow) e Kim Cattrall (Samantha Jones) – è un esempio di ghosting in amicizia. Partiamo dalla definizione “classica” del fenomeno: parliamo di ghosting quando una persona decide di troncare un rapporto senza comunicare la sua decisione all'altra persona, limitandosi appunto a non farsi più vedere e a non rispondere al telefono, a volte bloccando anche i profili social.

Questa modalità di chiudere un rapporto - che si tratti di amore o di amicizia - può essere estremamente traumatica, tanto da potere essere considerata un vero e proprio abuso psicologico. A fare male è prima di tutto la mancanza di comunicazione (è come se si lasciasse alla persona ghostata anche la responsabilità di "capire" e realizzare che si è stati mollati). Ma oltre a questo c'è anche la mancanza di un litigio o comunque un confronto, che metta in tavola i motivi per cui si vuole chiudere un rapporto. Il non detto a volte fa più male di cento insulti.

Purtroppo i casi di amici che spariscono senza motivo sono tutt'altro che rari. Una tua amica, con cui potresti avere avuto degli screzi, delle incomprensioni (di cui potresti non essere consapevole), magari anche uno scontro, è sparita? Vuol dire che ti ha ghostato. Se ha smesso di rispondere ai tuoi messaggi, ignorando le tue eventuali proposte di confronto e magari ti ha pure cancellato dai social, ti ha fatto proprio questo: ghosting in amicizia.

Non è una grande consolazione, ma se ti chiedi cosa c’è di peggio del ghosting in amicizia, ebbene, sappi che esiste. Per esempio, potrebbe succedere che anche un’altra tua amica, a seguito del comportamento di un'altra amicizia in comune, si allontani da te. Potrebbe farlo in maniera meno diretta. Per poi magari ricompire dopo mesi, fingendo che sia stata tu a sparire (classico caso di gaslighting), facendoti capire che sa qualcosa della ghoster ma che non pensa come lei. Poi, di fatto, sparisce di nuovo, se non con contatti rarissimi (spesso è perché magari puoi esserle utile) che non fanno altro che confonderti ulteriormente.

VEDI ANCHE Anche in amicizia ci sono le red flags: ecco quali sono LifestyleAnche in amicizia ci sono le red flags: ecco quali sono

Perché il ghosting in amicizia fa tanto male?

Sempre per citare il reboot di Sex and the City, possiamo ricordare la battuta con cui Carrie commenta il comportamento di Samantha: «Pensavo di essere più di un bancomat per lei». Una frase ironica che, tuttavia, non nasconde certo l’amarezza di chi è stata abbandonato per motivi di convenienza. Di nuovo, qui si tratta di fiction, ma nella vita reale il ghosting in amicizia è molto doloroso, tanto quanto un partner che sparisce.

LEGGI ANCHE: Perché il ghosting non è sempre sbagliato?

Ad accomunare queste due forme di ghosting, infatti, è proprio il fatto che si tratta di relazioni, magari anche di lunga data, che vengono troncate brutalmente. Per anni sei stata come una sorella con la tua amica. Conoscete l’una la famiglia dell’altra, avete condiviso momenti importanti, successi e crisi. Insomma, avete un rapporto profondo e che vi ha arricchito. Certo, può succedere che, per vari motivi, a un certo punto possano esserci delle incomprensioni o delle ragioni per cui avreste potuto allontanarvi. Ma un conto è un’amicizia che fatica a trovare lo stesso ritmo di frequentazione, un altro è se una delle due amiche coinvolte sparisce, senza più dirti niente. Nemmeno se è perché ce l’ha con te, perchè in questi casi le persone mature si confrontano. Ti cancella dalla sua vita, prima o dopo anche dai social. Insomma, è come se tu non fossi mai esistita.

Come reagire al ghosting in amicizia

Quando si tratta di emozioni, è difficile individuare il metodo giusto per reagire e “guarire”. Tuttavia, anche per il ghosting in amicizia, i consigli che potresti trovare utili sono gli stessi dei casi in cui è il partner che sparisce. In entrambe le situazioni, lo sconforto e il dolore di un abbandono così traumatico potrebbero indurti a una sorta di ossessione nei confronti dell’amica (o dell’ex) che ti ha ghostato. Potresti convincerti che per superare la rottura hai bisogno di un chiarimento, ma sappi che è tempo e energia mentale sprecata.

Se una persona ti ha eliminato con un colpo di spugna, non sei tu a dover dubitare del tuo valore come persona. Anche se non è facile, pensa che puoi tranquillamente fare a meno di una persona del genere nella tua vita. Puoi tenerti i ricordi belli, del tempo condiviso quando eravate amiche per davvero. Ma poi, rifletti sul fatto che evidentemente è cambiata (o semplicemente si è rivelata per com’è davvero, chi lo sa) e chiudi tu la porta. Per un po’ di tempo potresti essere arrabbiata (dopo il dolore, arriva la rabbia), ma anche in questo caso, chiediti se ha senso riservare delle emozioni (per quanto negative) a chi non ha avuto il minimo rispetto di te.  

Riproduzione riservata