Selfcare

Paura del futuro: come possiamo combatterla, nonostante tutto?

Paura del futuro
03-10-2022
La paura del futuro può generare ansia e nervosismo in moltissime persone: in questo articolo sveliamo cosa la genera e come combatterla

Viviamo un periodo colmo di incertezze e le difficoltà non mancano, in prima linea le incertezze sulla salute, sulle finanze e sul lavoro soprattutto; istintivamente cerchiamo di preservarci mettendo in conto molti degli scenari che potrebbero  avverarsi, abbiamo imparato ad adattarci ma nonostante tutto la paura del futuro resta.

Avere timore del tempo che verrà è normale, non prevediamo il futuro e quello che potrebbe accadere ci fa temere il peggio ma non trasformiamo la paura in ossessione, non farebbe altro che trascinarci sull’orlo di un precipizio da cui faticheremmo molto per allontanarcene. Ma quindi che fare? Di seguito alcuni consigli per vivere più serenamente.

VEDI ANCHE

Quello che dovresti sapere per riconoscere il sovraccarico emotivo e vivere più leggera

Lifestyle

Quello che dovresti sapere per riconoscere il sovraccarico emotivo e vivere più leggera

La paura del futuro: cos’è e come riconoscerla

La paura del futuro comincia dai nostri pensieri; si alimenta dopo una decisione sbagliata, un cambiamento che viviamo pesantemente, una risposta negativa che non ci aspettavamo, una promozione che vediamo svanire ed ecco che la nostra immaginazione ingrana la marcia e ci prospetta gli scenari peggiori.

In psicologia la paura del futuro viene inserita tra le paure irrazionali ed è classificata tra le forme di ansia. Anche se spesso vengono accomunate quotidianamente, l’ansia e la paura sono diverse; l’ansia fa parte delle sensazioni indefinite, un timore o una preoccupazione ad esempio mentre la paura è qualcosa che possiamo descrivere perfettamente perché l’avvertiamo fisicamente.  Quindi come possiamo riconoscere la paura del futuro?

I sintomi della paura del futuro sono specifici; sebbene siano simili ai disturbi da ansia generalizzata possiamo dividerli in due sezioni, i sintomi fisici e i sintomi cognitivi. Tra i sintomi fisici figurano debolezza, dolori muscolari, nodo alla gola mal di testa, anche sudorazione eccessiva e battito del cuore accelerato; elencare i sintomi cognitivi potrebbe essere più complesso ma tra quelli che devono mettervi in allarme figurano disturbi del sonno, paura di perdere il controllo di sé, confusione e una sensazione di pericolo costante.

Se riconoscete alcuni di questi sintomi è opportuno iniziare a familiarizzare con le tecniche di rilassamento; non rimandate iniziate non appena si avvertono i primi sentori della crisi in arrivo. Anche la meditazione come lo sport sono validi sostegni, ma  è consigliabile rivolgersi ad un professionista preparato, un bravo psicoterapeuta potrà insegnarvi le giuste tecniche per gestire la fase critica e superarla abilmente.

Come affrontare la paura del futuro

Nell’immediato non sempre ci si può avvalere dell’aiuto e sostegno di un terapeuta, mentre arriva la crisi concentriamoci sulla sicurezza che possiamo affrontarla, il nostro cervello lavora a ritmo incessante ed è per la velocità di elaborazione che spesso ci si trova inaspettatamente ad affrontare la crisi della paura del futuro.

Dobbiamo ricordarci che per quanto velocissimo, il cervello può elaborare un solo pensiero alla volta, anche se il salto da un pensiero ad un altro è iperveloce sarà sempre e comunque un solo elaborato alla volta e soprattutto in modalità sequenziale, quindi possiamo letteralmente tendergli un agguato bloccando il pensiero negativo e sostituendolo letteralmente con il  respiro.

VEDI ANCHE

Ecco perché il training autogeno è una tecnica di rilassamento da scoprire

Lifestyle

Ecco perché il training autogeno è una tecnica di rilassamento da scoprire

Portiamo l’attenzione al nostro respiro, concentriamoci su inspirazione ed espirazione lentamente e profondamente, contando,  sentendo l’aria che entra ed esce dalle narici, piano piano noteremo che il battito cardiaco rallenterà il respiro si farà più regolare e soprattutto scopriremo che quel rumore prodotto dai pensieri sulla paura del futuro si sono affievoliti. Abbiamo molto semplicemente spostato l’attenzione, sospendendo di fatto i pensieri negativi a favore del nostro benessere.

3 consigli pratici per superare la paura del futuro

Se leggendo il post avete riconosciuto in voi la paura del futuro; ora vi sveleremo 3 consigli pratici per affrontare la paura del futuro e vincerla, ma tenendo sempre  ben presente che l’aiuto e il sostegno di uno psicoterapeuta è sempre il modo vincente per  superare questa ansia.

  • Conosci te stesso

Socrate con questa massima definì  la conoscenza e l’aiuto dell’uomo verso se stesso. Conoscersi  è il primo passo per riuscire ad affrontare le proprie paure ma anche scoprire le qualità personali, i difetti e i limiti che sono unici e diversi per ognuno di noi. Conoscersi è indispensabile per capire quale sia la strada più giusta da percorrere, così come riconoscere le paure offre un’arma potente per affrontarle e vincerle.

  • Cambia routine

Avere le proprie abitudini fa sentire al sicuro, al riparo dalle incognite ma porta anche ad avere gli stessi pensieri, e fra questi la paura del futuro ha gioco facile. Cambiare routine quotidiana può sembrare difficile ma procedere a piccoli passi riserva grandi sorprese, ad esempio pianificando la giornata tipo escludendo lo stesso tragitto per andare al lavoro, o ritagliando 15 minuti di tempo in più per lo sport.

  • Praticare l’antica arte della pazienza.

Non avere fretta, goditi l’esperienza mentre la vivi senza pensare al domani. Rafforza la tua autostima richiamando alla mente i tuoi punti di forza, i tuoi traguardi e i successi raggiunti; concentrati sui pensieri positivi, la paura del futuro diventerà sempre più piccola e si allontanerà.

Riproduzione riservata