Emma Marrone

Emma Marrone contro i filtri: il suo invito a rinunciare alle maschere è potente e pieno d’amore

La forza di Emma non smette di stupirci: nonostante la fama e la lunga carriera, non ha paura di mostrarsi per quella che è, dando una bella lezione di determinazione (e d'amore) a tutte le donne che fanno fatica ad accettarsi

Emma Marrone è una forza della natura. Non è solo meravigliosa, energica e carismatica, ma è anche una grande amica delle donne. I suoi messaggi arrivano diritti e chiari e, spesso, non sono solamente le sue foto a essere senza filtri.

Dopotutto, questo è l'universo al quale ci ha abituate. Essere forti e fragili, essere belle al naturale. Essere noi stesse. E, nell'ultima lezione che ha voluto condividere sui suoi social, non ha lasciato spazio a dubbi.

"Il disagio di un lunedì di ottobre. Mettersi a provare i filtri di Instagram. 'Mascherarsi'. Alterare la propria immagine. Aderire ad un prototipo che va di moda. Fino a scoprire che alla fine non c’è niente di meglio che essere se stessi. Io sono quella dell’ultima foto. Amen. Voi chi volete essere?".

Emma senza filtri, l'importanza di accettarsi

Quella di Emma è una scelta molto precisa e che persegue con coerenza da molti anni. Ha sempre voluto mostrarsi per quella che è, senza artifici, senza sovrastrutture.

Anche con il rischio di non piacere a tutti, ma arrivando dritta all'anima di chi comprende i suoi difetti, le sue imperfezioni e le sue paure. Tutte quelle che la rendono bella e unica. Scorrendo il suo profilo Instagram non è difficile trovare foto che la ritraggono semplice, al naturale. Perché accettarsi è la cosa più essenziale.

Quello dell'accettazione di se stesse è un tema caro a Emma Marrone, che è già intervenuta per ribadire quanto sia importante puntare su altre cose, lasciando da parte ogni artificio.

«Sono le imperfezioni a fare la differenza… Bisogna lavorare sul proprio carisma e sulla propria energia! Se stiamo bene con noi stessi non sentiremo mai il bisogno di mostrare ciò che non siamo. La perfezione non esiste e menomale altrimenti sarebbe un mondo troppo noioso».

Per i tempi che stiamo vivendo, quella di Emma è di certo una piccola rivoluzione. Eppure basterebbe poco per sentirsi meglio, ormai basta cliccare un bottone per apparire perfette al mondo. I filtri, però, non sono altro che un inganno, un modo alterato di guardare il mondo.

Essere perfette significa essere uniche

Filtri, ritocchi, correzioni. Basta una bacchetta magica per cancellare tutto, una vita di battaglie combattute per segnare il nostro viso, che solo così diventa speciale. Emma ha detto no da tempo, anche a costo di non mostrarsi al massimo delle sue possibilità, stanca. E vera.

Osservare un'immagine non perfetta è difficile, è faticoso. Oltretutto, è anche la proiezione di quello che non vorremmo mai essere e che non vorremmo mai vedere su noi stesse. Rifiutiamo le imperfezioni e le interiorizziamo, le sentiamo dentro. Utilizziamo filtri e maschere per aggirare l'ostacolo.

Il messaggio di Emma arriva quindi potente e, in un certo senso, è anche doloroso. "Io sono quella dell'ultima foto", come se esistessero altre identità da mostrare. Sono questa. E non c'è nessun altro che vorrei essere.

Riproduzione riservata