Selfcare

Quanti tipi di manipolazione affettiva esistono?

Tipi di manipolazione
10-06-2022
Si parla sempre con più frequenza di manipolatori ma sapevi che non sono tutti uguali? Ti sveliamo in questo articolo i tipi di manipolazione per darti tutti gli strumenti per poterti proteggere

Narcisisti, manipolatori, bugiardi, convinti di essere ciò che di meglio poteva arrivare per noi cercano di convincerci che non potevamo aspirare di più e per farlo, usano tipi di manipolazione affettiva e psicologica sminuendo poco a poco la nostra autostima e decimando le nostre certezze una dopo l’altra, isolandoci spesso anche dalla famiglia; e noi?

Noi purtroppo ne subiamo il fascino e sovente non riusciamo ad uscire da quella che è a tutti gli effetti una relazione tossica, a volte ne diventiamo consapevoli soltanto successivamente, a storia finita con risultati disastrosi per la nostra psiche e a volte anche per la nostra vita. Esistono diversi tipi di manipolazione affettiva, oggi vi parliamo di quelli che fanno scattare i primi segnali d’allarme (le famose red flags).

Sembra quasi assurdo, ma chi è vittima di manipolazione affettiva non si accorge subito di quanto sta accadendo anzi, si relaziona al compagno con una sensazione di colpa e incertezza e su queste basi il manipolatore affettivo costruisce il nido in cui accasarsi, fino a che gli farà comodo. Le manipolazioni affettive possono essere di svariate tipologie  ma oggi ve ne segnaliamo 5 tra le più comuni che si possono riscontrare non solo nelle relazioni di coppia, ma anche nelle amicizie, in famiglia o sul lavoro. Saperle riconoscere più aiutarci a vivere con meno zavorre un po' su tutti i fronti.

VEDI ANCHE

Alcune red flags si vedono sin dal primo appuntamento (e devi conoscerle)

Lifestyle

Alcune red flags si vedono sin dal primo appuntamento (e devi conoscerle)

Vampiro affettivo

Tra i tipi di manipolazione affettiva c’è quella del vampiro affettivo; conosciuto anche come vampiro energetico agisce proprio come una vera e propria spugna.

Proprio come l’omonima creatura della notte si nutre delle energie delle proprie vittime fino a farle sentire svuotate e senza forze, lasciandogli solo un senso di inadeguatezza. Non contento riesce anche a ricoprire i ruoli della vittima.

A differenza di altri manipolatori questo soggetto non è forte, anzi. Cerca costantemente l’approvazione e ha bisogno di un supporto costante. Ecco perché sfoga le proprie frustrazioni su persone con una scarsa autostima o molto fragili.

Vittimismo manipolativo

Una seconda tipologia è quella del vittimista manipolativo; in questo caso ci si trova davanti a persone che utilizzano ricatti emotivi e che si fanno riconoscere per la ricerca costante di sostegno e cura. Il loro ruolo principale è quello della vittima e usano i sensi di colpa come arma principale.

Questa manipolazione affettiva riesce a farti crollare ogni certezza, a ferirti e a farti sentire sbagliata. Inoltre, le persone dall’esterno, tenderanno a esprimere comprensione e conforto mettendoti ancora di più la divisa della carnefice.

Il manipolatore bugiardo

Tra i tipi di manipolazione più comuni troviamo le bugie e le omissioni. Non è raro che questi soggetti siano bugiardi patologici ma non solo, riescono anche a mentire sulle menzogne pronunciate. Un circolo vizioso da cui ti auguriamo di uscire quanto prima.

Oltre alla chiara frottola, dobbiamo puntare l’attenzione sull’omissione; questa tecnica è meno evidente, più subdola e ti attira con molta più facilità nella sua trappola.

VEDI ANCHE

Il gaslighting è più comune di quanto pensi: impariamo a riconoscerlo

Lifestyle

Il gaslighting è più comune di quanto pensi: impariamo a riconoscerlo

Il negazionista

Colui che non ammette di aver detto qualcosa, di non averlo fatto o addirittura nega qualsiasi cosa tu dica su di lui. La sua strategia è quella di disorientarti, farti credere di aver capito male ed è disposto a negare anche l’evidenza dandoti dell’esagerata.

Il minimizzatore

Parliamoci chiaro, non c’è un modo giusto o sbagliato di vivere le emozioni. Ci sono persone più empatiche o emotive che restano turbate anche da avvenimenti più piccoli, mentre altri riescono a passarci su. Avere accanto una persona che costantemente minimizza e quasi schernisce le sofferenze ti dovrebbe far capire che quello non è il compagno di vita che ti meriti.

Se ti trovi a fianco di chi minimizza ciò che ha fatto, soprattutto con la consapevolezza di averti ferito, allora forse non stai vivendo un rapporto sano ed equilibrato.

Denigrazione

Uno dei tipi di manipolazione piuttosto aggressiva è quella della denigrazione; forse è anche una delle più semplici da riconoscere. La vittima si trova denigrata e costantemente sminuita dalla persona che ama e fatica a difendersi; quando inizia a farlo però il manipolatore cambia le carte in tavola e veste il ruolo di vittima facendo sentire la persona disorientata e sbagliata.

A questo punto, solitamente, la vittima tende a zittirsi a non ribellarsi più e persino a chiedergli scusa pur non avendo fatto nulla di sbagliato se non aver provato a difendersi dopo essere stata attaccata.

Uscire da una storia di manipolazione affettiva non sarà facile, perché per il periodo in cui siamo stati a contatto con il manipolatore siamo diventati dipendenti da lui senza renderci conto che è proprio l’esatto contrario, è sempre stato lui ad aver bisogno di noi ma è stato bravissimo ad annientarci con una serie di dinamiche di cui siamo diventati sottomessi.

Spesso per uscirne ci vuole tempo, settimane se non mesi e in quel periodo non è raro ripensare ai momenti passati insieme e tormentarci perché non abbiamo compreso subito cosa stava succedendo, ma dalla dipendenza affettiva, dalla manipolazione sentimentale se ne esce, dovremo solo fare attenzione a non lasciare rientrare nella nostra vita il manipolatore, che vedendoci tornare a vivere cercherà di farci rientrare nel cerchio manipolativo in cui eravamo caduti.

Riproduzione riservata