Selfcare

Cosa è il Single Tasking, perché ci semplifica la vita e come farlo

Ragazza concentrata
14-01-2022
Giulia Bocchi
Vuoi essere più produttiva, efficace e più felice? Smetti di fare tante cose in contemporanea e segui il modello di Single Tasking: ecco tutti i trucchi che dovresti conoscere

Ferme tutte, contrordine: fare più cose contemporaneamente non è così efficace. È ora di diventare Single Tasking. Ma come? È tutta la vita che la società ci insegna, fin da piccole, che per risultare più in gamba degli altri bisogna imparare a svolgere più attività nello stesso momento sempre dando il massimo su tutte. Perfino la tecnologia e tutti i vari dispositivi mobili sembrano remare in quella direzione: sempre connesse, sempre in attività, sempre produttive.

Adesso, invece, è arrivato il momento di cambiare mentalità e stile di vita. Addio multitasking (e frenesia annessa), benvenuto Single Tasking! Se stai facendo un bilancio prima di lanciarti tra i nuovi (buoni, si spera) propositi per l’anno appena cominciato, questa visione potrebbe fare al caso tuo e semplificarti parecchio la vita.

Il superamento del Multitasking

Il Multitasking riassume sotto un unico nome tre diversi tipi. Infatti può consistere nell’occuparsi di due o più compiti simultaneamente; nel passare da un compito all’altro in continuazione; nel fare tante cose in successione rapida.Come detto prima, siamo tutte cresciute con il modello del Multitasking. Tuttavia, questo potrebbe essere stato un grosso abbaglio.

Secondo alcune ricerche, infatti, il multitasking è in realtà meno produttivo del Single Tasking, cioè lo svolgimento di un compito alla volta. In particolare, uno studio condotto dalla Stanford University, ha scoperto il multitasking può essere dannoso non solo per il tuo cervello, ma anche per la tua capacità di fare le cose più velocemente e in modo più efficiente.

Secondo un altro studio, condotto dall’Università di Harvard, occupiamo quasi il 50% delle ore in cui siamo svegli a pensare a qualcosa di diverso rispetto a quello che stiamo facendo in quel momento. Questa abitudine ci rende infelici, anche perché significa essere sempre insoddisfatti del presente.

Perché cambiare approccio

Tutte le volte che siamo in modalità Multitasking, anche se potrebbe sembrare il contrario, non siamo affatto produttive. Se adotti l’approccio del Single Tasking, invece, riuscirai a svolgere più attività, aumentandone la qualità. Focalizzarsi su un compito alla volta, infatti, ci rende più produttivi, abbassa il livello di stress e ci rende più felici. Il Single Tasking ti permette infatti di raggiungere risultati di più alta qualità in meno tempo.

Le difficoltà del Multitasking

Potrebbe non essere facile cambiare e abbracciare il Single Tasking, dopo essere sempre state predisposte verso il Multitasking. Il rischio, infatti, è dietro l’angolo. Per esempio, se stai studiando o lavorando a qualcosa che non ti piace, potresti facilmente andare in Multitasking. È normale, infatti, cercare altro da fare per avere l’impressione di essere produttive. Anche le interruzioni frequenti ti possono far entrare in modalità Multitasking, in ufficio, in biblioteca come in smartworking.

I segnali d’allarme del Mutitasking

Se ti accorgi che stai facendo troppe cose insieme, sarà più facile pensare di tornare in modalità Single Tasking. Ecco alcuni campanelli d’allarme che possono farti notare che ti stai occupando di troppe cose:

  • hai troppe pagine aperte sul tuo browser: vuol dire che ti stai concentrando su più cose contemporaneamente;
  • sulla tua scrivania hai troppe cartelline di progetti a cui stai lavorando;
  • ti distrai facilmente per rispondere a stimoli esterni (telefonare, domande, etc).

I benefici di fare una cosa per volta

Il Single Tasking ha tantissimi benefici. Non solo, come dicevamo, ti rende di fatto molto più produttiva di quanto possa sembrarti. Imparare a svolgere un’attività per volta, infatti, migliora anche la tua qualità della vita. Concentrarti su quello che stiamo facendo ti permette di andare più in profondità nelle cose e trovare soluzioni più efficaci ai tuoi problemi.

Ti permette di conservare energie

Il cervello è l’organo che consuma più energia di tutti; quando ci occupiamo di una cosa alla volta stiamo focalizzando la nostra attenzione in un solo punto senza disperderla inutilmente. Inoltre non intacchiamo la nostra memoria a breve termine, perché non abbiamo continue interruzioni.

Aumenta il tuo coinvolgimento

Se ti concentri su un solo compito, puoi aderire completamente ad esso; sei più focalizzata e questo ti permette di raggiungere l’eccellenza più facilmente.

Riduce le distrazioni

Se fai una cosa alla volta e ti focalizzi su un singolo compiti, crei una sorta di barriera che non fa passare distrazioni (interne o esterne).

Migliora l’attenzione

Concentrarti su una cosa per volta si trasformerà in un aumento generale dei tuoi livelli di attenzione.

Migliora le tue relazioni e il tuo modo di comunicare

Concentrarti su una cosa alla volta, in questo caso sulla conversazione che stai avendo con qualcuno, ti permette di creare una connessione più sincera, di ascoltare l’altro, di essere presente e rispettarlo. Questo è un toccasana per le tue relazioni in generale. Nessuno si sentirà più trascurato.

Come cambiare modalità

Abbracciare la modalità di Single Tasking non è semplice, per una serie di motivi. In un mondo dove il ritmo della vita è spesso frenetico, le persone che riescono a fare più cose insieme sono in genere viste come efficienti ed efficaci. La tecnologia ci ha abituati a essere sempre connesse e ad avere più sistemi di comunicazione da utilizzare contemporaneamente. Soprattutto noi donne, poi, tendiamo a vantarci di quanto siamo brave a fare più di una cosa alla volta. Ormai, tuttavia, avrai capito che è meglio adottare il modello del Single Tasking.

Consigli pratici

Ecco qualche consiglio per passare dal Multitasking al Single Tasking.

  • Inizia una pratica di meditazione
  • Organizzati: abbasso il disordine
  • Imposta le tue priorità
  • Gestisci le distrazioni
  • Muoviti spesso, fai delle pause e fai respiri profondi
  • Rendilo una pratica quotidiana
Riproduzione riservata