Selfcare

Come capire se ti stai adattando allo stress (e come smettere di farlo)

sindrome generale di adattamento
09-05-2022
Laura Sandroni
Cos'è la sindrome generale di adattamento, da cosa è caratterizzata e come si fa ad evitarne gli effetti, imparando a gestire al meglio lo stress sia a livello fisico che emotivo. Scopriamolo insieme

Lo si nomina spesso e in tanti lo provano in prima persona. Parliamo dello stress e di tutto ciò che questo comporta sia a livello fisico che soprattutto mentale. Cambiamenti a volte positivi, se si sa come affrontarli, ma che possono essere negativi e impattanti sulla vita stessa quando la quantità di stress che si affronta è troppa o ripetuta nel tempo. Sfociando in tutta una serie di manifestazioni e risposte fisiologiche definite come sindrome generale di adattamento (General Adaptation Syndrome o G.A.S.)

Ovvero la risposta che l’organismo mette in atto nel momento in cui viene sottoposto a diversi fattori di stress sia a livello fisico che mentali ma anche ma anche ambientali o sociali. Ma cos’è esattamente questa sindrome, come si sviluppa e come si affronta?

VEDI ANCHE

Che cos’è la dipendenza da stress?

Lifestyle

Che cos’è la dipendenza da stress?

Cos’è la sindrome generale di adattamento

Prima di capire come affrontare la sindrome generale di adattamento è importante comprendere esattamente di cosa si sta parlando. Come detto ognuno di noi, a livelli e intensità diverse, è sottoposto a fattori di stress che possono passare quasi inosservati o impattare sulla qualità della vita. Sfociando sia in problemi fisici che mentali.

Risposte fisiologiche che, secondo il Dr. Hans Selye, corrispondono a un insieme definito di segni e sintomi ripetuti, coerenti e correlati tra loro, che si manifestano come reazione di adattamento dell’organismo di fronte a un agente nocivo. Tanto da ipotizzare l’esistenza di una vera e propria sindrome e/o insieme di risposte allo stress, la sindrome generale di adattamento.

Secondo le ricerche messe in atto dal medico, infatti, esistono due tipologie di situazione:

  • la prima, in cui l’organismo deve far fronte a uno stress acuto, rapido e intenso dal quale si può uscire dopo una breve fase di resistenza;
  • la seconda che nasce in relazione a uno stress cronico, in cui corpo e mente vengono impegnati per un periodo più lungo, attuando una resistenza che può durare in modo variabile da qualche ora ad anni, fino anche a tutta la vita.

Condizione che porta ad avere problemi anche piuttosto seri per la salute di chi la vive. E che innesca una serie di meccanismi fisiologici, appunto la sindrome generale di adattamento.

Come si manifesta

Una risposta che si attua in tre fasi specifiche:

  • allarme,
  • resistenza
  • esaurimento.

La fase di allarme è quella in cui il corpo si impegna a far fronte all’agente stressante. E che si manifesta con una reazione interna del corpo, aumentando la produzione di adrenalina e di conseguenza quella del battito cardiaco.

Durante la fase di resistenza e/o adattamento, poi, l’organismo cerca di adeguarsi alla circostanza che sta vivendo, provando a resisterle. E innescando delle reazioni controproducenti per la salute stessa, come l’aumento della produzione di cortisolo (che diminuisce le difese immunitarie portando a indebolire il corpo e rendendolo più soggetto a malattie).

Infine vi è l’esaurimento, la fase conclusiva dello stress in cui il corpo cerca di riprendersi dall’evento subito e in cui le energie impiegate per fargli fronte iniziano a venire meno, sia con una sensazione di debolezza come una sorta di rilassamento, sia debilitando l’organismo a causa di una completa mancanza di energie.

Condizione che può portare a stati depressivi (come reazione opposta alla resistenza attuata) e alla necessità di periodi di recupero. Ma che può generare anche delle alterazioni permanenti sia a livello fisico che psichico.

VEDI ANCHE

Cosa è la “stresslaxation” e perché persino il relax può stressarci

Lifestyle

Cosa è la “stresslaxation” e perché persino il relax può stressarci

Come si affronta la sindrome generale di adattamento

Un problema che quindi, deve essere affrontato alla radice. Ovvero imparando a gestire al meglio le diverse situazioni di stress che possono capitare nel corso della vita a che possono interessare ambiti diversi, da quello lavorativo a quello familiare, da quello fisico a quello emotivo.

Evitare di imbattersi nelle conseguenze della sindrome generale di adattamento, infatti, dipende molto da ciò che si fa prima. E da come si affronta ciò che la può generare, lo stress appunto. Anche facendosi aiutare da un esperto.

Per farlo ci sono diversi modi:

  • imparando specifiche tecniche di rilassamento da attuare nei momenti di difficoltà e non;
  • praticando discipline come lo yoga che aiuta a gestire al meglio ciò che accade a livello emotivo;
  • imparando a comprendere e controllare le proprie reazioni ed emozioni, vivendole e lasciandole andare, concentrandosi nel momento presente;
  • coltivando un equilibrio interiore che permetta di non farsi sopraffare dagli eventi esterni;

E prendendosi cura di sé, sia dentro che fuori, giorno dopo giorno. Un passo alla volta, fino ad ottenere una piena consapevolezza di ciò che si vive e decidendo in prima persona come farlo in modo sano.

Riproduzione riservata