Selfcare

Come si creano relazioni positive sul luogo di lavoro? I consigli degli esperti

17-01-2024

Perché le relazioni sono importanti sul luogo di lavoro

Costruire relazioni sul luogo di lavoro può essere davvero complesso. Se da una parte il buon senso ci dice che è meglio non coinvolgersi troppo, e tenere le vere amicizie fuori dall'ambiente lavorativo, dall'altro lato è inevitabile legare con le persone con cui interagiamo ogni giorno. In più la qualità delle relazioni sul lavoro è davvero importante - oltre che per la produttività - per il nostro benessere e la nostra salute mentale.

Non serve un oracolo per indovinare che lavorare in un ambiente tossico e ostile è qualcosa di davvero negativo, che può rovinarci l'esistenza. E del resto fenomeni come mobbing, burnout, depressione e ansia correlate al lavoro sono qualcosa di davvero dannoso e difficile da affrontare, ma anche spaventosamente frequenti. Ma esiste un modo giusto di gestire le relazioni sul lavoro per evitare tutto questo?

VEDI ANCHE
LifestylePersone tossiche: come riconoscerle e come neutralizzarle

Lavoro e salute mentale

Il malessere individuale sul posto di lavoro non è da sottovalutare: oltre a influenzare negativamente tutte le persone che lavorano insieme, ha ovviamente ricadute sulla produttività e a cascata sull’aumento della spesa sanitaria. L’allarme è stato lanciato anche da Stimulus, società di consulenza per il benessere psicologico nei luoghi di lavoro, che si è occupata di ben 8.040 consulenze richieste dai dipendenti; di questi, il 77% si è rivolto agli psicologi per difficoltà personali, il 65% per difficoltà professionali e il 16,4% per difficoltà in entrambi gli ambiti, mentre il 5,54% ha evidenziato problemi nelle relazioni con i superiori.

Poiché in ufficio oppure da remoto le persone devono trascorrere molte ore al giorno lavorando insieme, è fondamentale imparare alcune strategie mirate che possono aiutarle ad affrontare costruttivamente eventuali frizioni con i colleghi.

Come affrontare colleghi "tossici"

Alessandro Da Col e Alessandro Pancia, affermati mindset coach e fondatori di Accademia Crescita Personale Meritidiesserefelice consigliano le azioni da intraprendere per evitare che il luogo di lavoro possa trasformarsi in un ambiente tossico che causa problemi di salute mentale anche in forma grave.

“Con il boom dello smart working dovuto alla pandemia, adesso ci troviamo di fronte a due situazioni distinte - puntualizzano Da Col e Pancia - al classico gossip davanti alla macchinetta del caffè durante le pause e al mobbing, si è aggiunto quello che noi chiamiamo cybergossip, ovvero il chiacchiericcio su una persona specifica avviato via chat”. Anche se non è sempre facile, uscire da queste dinamiche perverse si può. “L’ideale sarebbe non partecipare assolutamente a conversazioni negative che alimentano ulteriormente il pettegolezzo in azienda.
Questo perché, se non vogliamo che gli altri parlino male di noi, noi dobbiamo fare altrettanto, seguendo il principio evangelico di non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te. Se siamo coinvolti forzatamente in queste dinamiche, non bisogna alimentare assolutamente il gossip, cercando in tutti i modi di uscirne”.

VEDI ANCHE
LifestyleCosa è il quiet quitting e perché se ne parla tanto su TikTok?

E cosa fare invece se ci rendiamo conto che la persona vittima di gossip, chiacchiere e giudizi negativi siamo noi? Potrebbe sembrare controintuitivo, ma la cosa migliore da fare è affrontare la questione di petto. Bisogna individuare la persona che ci giudica negativamente, e senza perdere tempo affrontarla e parlare apertamente con lui/lei in modo calmo e senza estrinsecare la rabbia repressa perché - sottolineano Alessandro Da Col e Alessandro Pancia - “è importante focalizzarsi sempre sulla soluzione del problema, mantenendo la tranquillità e la reputazione professionale e concentrandosi sull’adozione di un comportamento positivo. Poiché, inoltre, le persone si riconoscono a pelle, confidiamoci apertamente solo con coloro che, anche se alcune volte ci fanno notare in maniera dura i nostri errori e i nostri difetti, al tempo stesso ci motivano, ci caricano, dicono le cose come stanno in maniera autentica e schietta, sono
propositivi e non fanno mai pettegolezzi”.

L'importanza del team building

Ma, oltre alle dinamiche one to one, un ambiente di lavoro sano può essere creato anche con percorsi di team building per ottimizzare le dinamiche interne in situazioni particolari, per esempio come relazionarsi con un collega che vive un dramma personale. “In questo caso la situazione difficile che sta vivendo questa persona - spiegano gli Ali - può ripercuotersi sull’operato di tutto il gruppo di lavoro, quindi, attuando dei giochi di squadra ad hoc possiamo imparare a gestire una situazione come questa, ma anche a risolvere problemi e ad incentivare la responsabilità personale e quella delle proprie azioni”.

Si può fare davvero amicizia sul lavoro?

Con gli opportuni “bilanciamenti”, è possibile instaurare con qualche collega anche una relazione di amicizia, ma è fondamentale che “i ruoli e le mansioni siano sempre rispettati, altrimenti, in caso di eccessiva disponibilità, le altre persone potrebbero approfittarsene. Un altro aspetto di cui tenere conto è la separazione tra vita professionale e vita privata: questo significa che sul lavoro non si devono manifestare problemi personali, crisi esistenziali e preoccupazioni. Il segreto è esercitare l’empatia, l’ascolto attento, l’apertura alla collaborazione e la capacità di coltivare interessi comuni con i colleghi”, suggeriscono Alessandro Da Col e Alessandro Pancia.

Riproduzione riservata
Loading