Selfcare

Queste sono le ragioni più comuni per cui ti senti demotivata e a terra

Affrontare alcune giornate può risultare difficile, quasi impossibile. Conoscere le ragioni che ti portano a essere demotivata e a terra ti aiuta a capire come reagire

Alcuni periodi sono davvero duri. Il lavoro e gli impegni, i pensieri possono accumularsi e puoi avere la sensazione di essere letteralmente travolta. Sono sentimenti che non vanno ignorati, ma al contrario capiti nel profondo per individuarne i motivi.

Stabilire qual è la causa (o le cause) che ti portano a sentirti sopraffatta dagli eventi è il primo passo per reagire e cambiare gli aspetti della tua vita che non vanno, quelli che ti provocano stress e nervosismo e ti fanno venir voglia di gettare la spugna.

Per capire le ragioni che ti portano a sentirti demotivata e a terra, bisogna cambiare prospettiva. Devi cercare di guardare il tuo stile di vita dalla giusta distanza, come se lo stessi osservando dall’esterno. Individuate le criticità, un primo passo importante è stato fatto.

Parole d’ordine, accettazione e obiettivi

Prima di qualsiasi altra cosa, è necessario prendere coscienza e accettare il fatto che sei un essere umano, con dei punti di forza e delle fragilità. Non c’è nulla di male ad avere un momento di down: è il corpo che ci richiede riposo e cura. L’importante, però, è che questi periodi non diventino la norma.

Le ragioni che potrebbero farti sentire stanca, demotivata, a terra potrebbero essere legate a una mancanza di organizzazione. Per avere dei risultati, avere la sensazione che si stia progredendo, è necessario fissare degli obiettivi chiari e realizzabili.

Che tu voglia perdere peso, guadagnare di più, avere del tempo per gli affetti e le relazioni, per riuscirci davvero devi superare gli ostacoli e mettere ordine. È necessario avere un piano e concentrare le energie su di esso, mantenendo un equilibrio anche rispetto a tutti gli altri aspetti della propria vita. In base alle cause che ti portano a non sentirti al meglio delle tue possibilità, ci sono delle soluzioni.

Le cause principali

Quali sono le ragioni che ti portano a sentirti demotivata e a terra? Individuarle è essenziale per trovare la chiave che ti permetterà di tornare in forma. Le cause principali sono sette:

  • Aver messo le proprie passioni in secondo piano;
  • Combattere su più fronti;
  • Avere una prospettiva di vita pessimistica;
  • Mancanza di fiducia;
  • Eccessiva dipendenza dagli altri;
  • Burnout;
  • Pretendere di essere un esercito composto da una sola persona.

Se ti ritrovi in una o più di queste condizioni, già è un dettaglio positivo. Puoi cominciare ad agire per cambiare le cose e iniziare a sentirti meglio. In base all’entità della situazione (o se ci sono diverse concause), potrebbe valere la pena chiedere il supporto di qualcuno: un amico fidato o anche uno specialista che ci aiutino a focalizzare gli obiettivi.

VEDI ANCHE

5 cose che non dovresti mai dire a chi soffre di depressione

Lifestyle

5 cose che non dovresti mai dire a chi soffre di depressione

Non sei Wonder Woman

Il primo motivo che potrebbe abbatterti è abbastanza chiaro. Ascoltare le proprie inclinazioni, seguire i propri sogni - pur mantenendo i piedi per terra - è indispensabile per aspirare alla felicità e alla soddisfazione. Se ogni cosa è più importante di sé stessi, si perde ancor prima di cominciare la partita che si chiama vita. Devi ascoltare la voce del tuo io interiore e assecondare i tuoi desideri, per quanto possibile.

Poi, non devi mai dimenticare che le tue risorse non sono illimitate e che devi preservarle. Muoversi su più piani, affrontare determinate situazioni complesse e che provocano stress potrebbe essere fra le ragioni che ti spingono a sentirti demotivata e a terra. Per risolvere bisogna procedere per priorità e gestire una questione alla volta.

Per stare bene emotivamente, e quindi anche fisicamente, è importante avere il giusto approccio nell’affrontare ogni aspetto della propria esistenza (bello o brutto che sia). Gli ottimisti, quelli che vedono il bicchiere mezzo pieno per esempio hanno una marcia in più. Si sentono molte più energie addosso e trovano sempre la chiave giusta per aprire una determinata ‘porta’. Questo è uno dei segreti per progredire.

Ma credi sempre in te stessa

La sfiducia, credere di non avere gli strumenti per riuscire (qualsiasi sia l’obiettivo della propria vita) butta giù come poche altre cose al mondo. Fra le ragioni per cui ti senti demotivata e a terra c’è la tua testa e la percezione che hai di te, delle tue risorse. Se credi di potercela fare, se ti ripeti allo specchio che hai le capacità, anche la giornata più difficile e stancante può essere portata a casa. La mente è, e deve essere, la tua prima sostenitrice. Se non credi tu in te stessa, chi lo farà? Avere una cerchia di amicizie, dei sostegni è indispensabile, ma prima di tutto bisogna contare sulle proprie forze. Ci si deve credere.

E qui si collega la sesta motivazione: l’eccessiva dipendenza dagli altri. Se per raggiungere un fine credi di aver bisogno, sempre e comunque, dell’appoggio di qualcuno vivi con una zavorra pesantissima di sopra che ti porta a sentirti senza forze. Non devi essere e non sei sola, ma ricorda che tu sei la più forte di tutti. E se hai le giuste motivazioni per raggiungere uno scopo, niente e nessuno potrà fermarti.

Non pretendere troppo

Il burnout si sperimenta quando si prova a fare troppe cose e in un lasso di tempo troppo ristretto. La sensazione che si prova è di aver perso tempo, senza aver raggiunto il risultato (o i risultati) sperati. Si sentono amarezza e frustrazione, la percezione è di aver consumato tutte le energie.

Fondamentale tanto quanto fidarsi delle proprie risorse, è non pensare di non aver mai bisogno di aiuto. Se individui delle ragioni per cui ti senti demotivata e a terra, e capisci che la situazione ti sta sfuggendo di mano, chiedi aiuto. Le battute d’arresto sono fisiologiche e non c’è nulla di cui vergognarsi. L’importante è riconoscere di avere un problema e cercare gli strumenti giusti per risolverlo. A tutto c’è rimedio!

Riproduzione riservata