Selfcare

La morning routine giusta ti cambia le giornate: organizzala così

costruire una buona morning routine
Per iniziare la giornata col sorriso e rendere la mattina un momento piacevole (e produttivo), cominciate dal costruire una morning routine a voi affine. Eliminare le cattive abitudini è difficile, ma non impossibile!

Il buongiorno si vede dal mattino, come si suol dire. E non c'è frase più vera di questa: il modo in cui iniziamo la giornata influenza inevitabilmente le ore successive, sia dal punto di vista fisico che mentale. Proprio per questo motivo dovremmo imparare a costruire una morning routine che sia affine a noi, con un insieme di abitudini da mettere in pratica tutte le mattine così da migliorare concentrazione e produttività.

Ma c'è molto di più, perché attraverso un buon "rituale" mattutino vi accorgerete che possiamo essere in grado di darci la motivazione giusta, che spesso manca non appena apriamo gli occhi. Siete pronte?

VEDI ANCHE

Queste sono le abitudini che danneggiano la nostra salute mentale

Lifestyle

Queste sono le abitudini che danneggiano la nostra salute mentale

A ciascuno la sua morning routine

Prima di analizzare nel dettaglio come creare una morning routine efficace, è bene fare una doverosa premessa: non esiste un rituale preconfezionato che vada bene indistintamente per tutte. Ognuna di noi deve creare la propria routine mattutina in base a esigenze specifiche e bisogni che chiaramente variano da una persona all'altra.

Ma c'è anche di più, perché spesso abbiamo già una morning routine che seguiamo (più o meno) alla lettera ma senza accorgercene. Perché in fondo si tratta di abitudini, di movimenti e azioni che compiamo in un ordine ben preciso e ci donano in qualche modo quel senso di certezza di cui abbiamo bisogno per affrontare le nostre giornate. L'unico problema è che quando le azioni diventano meccaniche e senza uno scopo ben preciso, quando cioè non sono "studiate" ma semplicemente parte di uno schema che abbiamo appreso inconsapevolmente e che ripetiamo "a pappagallo", può capitare che la routine acquisisca una serie di cattive abitudini che non ci fanno affatto bene.

Parola d'ordine: consapevolezza

Alla luce di tutto questo, per costruire la nostra morning routine dobbiamo partire da un presupposto fondamentale: la consapevolezza di sé. Si tratta di uno schema di azioni certamente, ma non deve ingabbiarci né costringerci in un rituale che diventi un'abitudine fine a sé stessa. Lo schema per definizione deve avere dei punti fermi da seguire alla lettera, tuttavia va costruito analizzando nel dettaglio le proprie esigenze specifiche e i propri bisogni.

Per capire ancora meglio questo concetto, proviamo a porci qualche domanda: perché ogni mattina, al risveglio, mi sento stanca ancor prima di iniziare la giornata? Perché non riesco a trovare mai del tempo per me stessa? E perché la vita mi scorre davanti agli occhi come se non avessi il controllo su di essa, come se mi scivolasse dalle dita?

È qui che entra in gioco la morning routine, ovvero riprendere il controllo sul primissimo momento della giornata scacciando via lo sconforto, il pessimismo, il senso di oppressione e di negatività e dar vita, finalmente, alla realtà che vogliamo. Soltanto noi possiamo e dobbiamo decidere come sentirci, cosa fare e quando farlo. E state certe che costruire e personalizzare il proprio rituale mattutino può cambiare completamente la prospettiva delle cose, molto più di quanto possiamo immaginare.

VEDI ANCHE

La Legge del Distacco: raggiungere gli obiettivi senza stress è possibile

Lifestyle

La Legge del Distacco: raggiungere gli obiettivi senza stress è possibile

Come pianificare una morning routine efficace

La morning routine richiede consapevolezza ma anche autodisciplina. Perciò se vogliamo davvero crearne una che sia adatta ai nostri bisogni e ci faccia sentire bene ci dobbiamo impegnare: costruire nuove abitudini spesso non è semplice, specialmente quando entra in gioco la necessità di abbandonare e cancellare quelle vecchie e superate, quelle che hanno un effetto negativo insomma.

Il primo consiglio per costruire una buona routine mattutina è scegliere e pianificare con cura le attività e i movimenti da compiere. Cosa che, in parole povere, si traduce innanzitutto nell'individuare ed escludere tutto ciò che non ci piace e non ci fa stare bene. Un modo per rendere questo compito più semplice è dividere le fasi della morning routine in quattro scopi essenziali: salute, apprendimento, relax, riflessione.

Come sempre, per capire meglio facciamo un esempio pratico iniziando dalla salute. Nelle abitudini mattutine della gran parte di noi c'è la classica tazzina di caffè che, col passare degli anni, più che un'esigenza diventa proprio un'azione meccanica. Ci convinciamo che bere un caffè ci faccia bene, che sia l'unico modo per ottenere la giusta carica e basta saltarla anche soltanto una volta per sentirci crollare il mondo addosso. Spesso addirittura facciamo "colazione" soltanto col caffè. E sì, non è affatto una buona abitudine: la colazione dovrebbe essere completa e bilanciata, darci le giuste energie per affrontare la giornata e, come se non bastasse, bere caffè a stomaco vuoto ci può dare qualche problemino di stomaco (bonjour, gastrite!). Ecco, questa è la primissima abitudine che dovremmo eliminare o quanto meno modificare, ricalibrandola nella prospettiva di un miglioramento della nostra salute al mattino.

Un esempio di morning routine

Eliminare le cattive abitudini, costruirne di nuove. Più facile a dirsi, che a farsi. Ci vogliono determinazione, consapevolezza e anche forza di volontà, oltre che un pizzico di autocontrollo. All'inizio non sarà semplice ricalibrare le proprie azioni al mattino seguendo uno schema che non ci appartiene, ma vi accorgerete che con il passare dei giorni tutto filerà liscio come l'olio.

A questo punto non ci resta che vedere da vicino un esempio pratico di morning routine (consideratela una "traccia" da cui partire, per costruire la vostra!):

  • Vai a letto presto (e dormi per almeno 7-8 ore).

Il modo in cui riposiamo durante la notte, inevitabilmente influenza il risveglio e la quantità di energie al mattino. Un ciclo sonno-veglia equilibrato regola anche la produzione ormonale e, di conseguenza, la quantità di stress sia fisico che mentale;

  • Punta la sveglia, ma tienila lontana dal letto.

E no, non vuole essere una "tortura", bensì il primo passo per trovare la motivazione per alzarsi al mattino. Tralasciando il fatto che non si dovrebbero tenere smartphone, PC e altri apparecchi elettronici vicino a sé durante il sonno, mettere la sveglia a qualche passo dal letto può essere un ottimo primo punto del nostro rituale mattutino;

  • Bevi un bicchiere d'acqua.

Anche questa è un'ottima abitudine da inserire nella propria morning routine. Dopo esserci alzate dal letto, aver raggiunto la scrivania e spento la sveglia, dirigiamoci in cucina per versare un bel bicchiere d'acqua fresca e donarci un primo momento di sollievo;

  • Pratica attività fisica.

Non vuol dire ammazzarsi di esercizi di prima mattina, piuttosto praticare stretching, yoga o altre discipline simili che rimettano il corpo in movimento dolcemente, allungando muscoli e ossa, liberandoci dal torpore del risveglio. Anche la corsa al mattino non è affatto male;

  • Scrivi il tuo diario.

Un modo per pensare a sé stesse, appuntando i nostri sogni o anche delle frasi motivazionali che possano darci la giusta carica e metterci di buonumore. Scrivere è un'attività essenziale per il benessere mentale, come leggere e meditare;

Gusta una buona prima colazione.

Punto che spesso tralasciamo per questioni di tempo (e di fretta), sbagliando di grosso. La colazione è il pasto più importante della giornata, deve essere nutriente e bilanciata e ci occorre per iniziare con le giuste energie e all'insegna del benessere.

Piccoli passi per iniziare a plasmare la propria morning routine, un bel regalo che dovremmo proprio farci per stare bene. E iniziare la giornata col sorriso!

Riproduzione riservata