Selfcare

Soffri di “daddy issues”? Esempi per capirne il vero significato

Daddy issues
11-12-2023
Si parla sempre più spesso di daddy issues in riferimento alla relazione conflittuale con la figura paterna: ma cosa sono davvero le "daddy issues", come ci influenzano e come superarle

Cosa significa "daddy issues"

Cosa sono le tanto chiacchierate "daddy issues"? Questa espressione in inglese significa letteralmente "complessi paterni", cioè problematiche legate al rapporto con la figura paterna che causerebbero una serie di criticità nelle relazioni in età adulta.

Ne abbiamo già parlato in lungo e in largo: non è più un mistero per nessuno che il rapporto con genitori e in particolare i rapporti con il padre possano influenzare molto il modo in cui da adulti ci si approccia alle relazioni sentimentali. Si tratta di tematiche che sono sempre più al centro del dibattito soprattutto perché con gli anni è fortunatamente cresciuta l'attenzione generale sulla salute mentale e sull'importanza di lavorare su determinate criticità tramite un percorso psicologico.

VEDI ANCHE

Il rapporto con la mamma influenza le nostre relazioni, ed ecco come

Lifestyle

Il rapporto con la mamma influenza le nostre relazioni, ed ecco come

Cosa sono davvero le daddy issues

È importante permettere che in psicologia non c’è una vera e propria diagnosi che va sotto il nome di daddy issues, ma si fa riferimento in genere al Complesso di Elettra. Si va a contrapporre al più celebre complesso di Edipo di Freud e prende in considerazione il rapporto padre-figlia. In modo particolare il complesso di Elettra andrebbe a individuare una sorta di rivalità con la madre per contendersi l’amore della figura paterna; solitamente questa fase si conclude tra i 3 e i 5 anni ma talvolta potrebbe riproporsi in età adulta.

Ad oggi l'espressione "daddy issues" viene utilizzata per indicare in maniera generica una vasta serie di problematiche nate dal rapporto con il padre. In particolare questa definizione viene molto usata quando si cerca un partner molto più adulto, che dovrebbe - idealmente - recuperare le ipotetiche mancanze del padre (questa è ovviamente una spiegazione molto schematica). Si parla di "daddy issues" anche per indicare che ci sono stati problemi di vario tipo nel rapporto con il padre che non sono stati ancora superati ed elaborati. Spesso ci si riferisce con questa espressione alle situazione in cui ci si è sentite ignorate, trascurate o abbandonate dalla figura paterna.

Come riconoscere le daddy issues

Sono diversi i segnali che possono essere ricondotti a un rapporto difficile padre-figlia. Uno dei più classici è il ricercare una relazione con uomini molto più grandi perché si avverte il bisogno di una figura più adulta e in qualche modo protettiva. Talvolta ci si lega a persone perfettamente consapevoli della situazione e che in un certo senso vanno a colmare anche i loro stessi bisogni e le proprie mancanze con persone che li fanno sentire importanti, più maturi e più apprezzati.

Un altro tipico segnale che viene spesso ricondotto alle daddy issues è la costante ricerca di rassicurazioni; chi ha daddy issues è insicura e cerca di lavorare su questa sua insicurezza andando a richiedere conferme e rassicurazioni nel proprio partner.

Anche il provare gelosia, talvolta immotivata e non controllata, finisce spesso nel calderone delle daddy issues. Questo tratto può rendere eccessivamente presenti ed appiccicosi ma talvolta, se degenera, può anche generare stati di ansia pesanti e difficili da controllare.

VEDI ANCHE

Come sopravvivere a genitori emotivamente assenti

Lifestyle

Come sopravvivere a genitori emotivamente assenti

Un altro tratto distintivo che viene spesso descritto con l'espressione daddy issues è l’incapacità di restare sola: nonostante si fatichi a legarsi sentimentalmente, si fatica anche a vivere il proprio stato di single. Per questo motivo si tende a saltare da una relazione all’altra o da una frequentazione all’altra, senza cercare effettivamente una persona compatibile che possa dare ciò che si cerca.

Quali sono le cause

Molto probabilmente, chi ha le cosiddette "daddy issues" ha avuto problematiche relazionali con i propri genitori. Quando parlano dell’argomento, queste persone solitamente descrivono il proprio padre come assente o anaffettivo, talvolta anche come violento o abusante (fisicamente o psicologicamente). Questi comportamenti segnano qualsiasi bambino ma se non trattati adeguatamente con un percorso psicologico possono generare una serie di cicatrici e traumi che possono rovinare anche altre relazioni in futuro.

Alla base delle daddy issues sembra esserci un problema comune: un padre con problematiche di narcisismo. Un genitore narcisista non fa il bene del proprio figlio ma pensa a se stesso; molto di frequente questo tipo di figura genitoriale dall'esterno appare perfetta e impeccabile, ma la realtà è molto diversa. Spesso un genitore narcisista utilizza un figlio come un trofeo per nutrire il proprio ego e tutto questo ha risultati impattanti nella crescita.

Superare le daddy issues

Abbiamo visto che le cosiddette "daddy issues" non sono una vera e propria patologia, ma possono indicare una varietà di problematiche, per lo più molto comuni e diffuse. Ma come si superano? Sicuramente con il supporto di uno psicologo o uno psicoterapeuta e affrontando un percorso. La cosa più importante è acquistare la consapevolezza del fatto che il rapporto con il proprio padre è qualcosa che si può elaborare per stare meglio, crescere e avere una relazione migliore con se stessi e con gli altri.

Riproduzione riservata