Selfcare

Cosa significa davvero trovare se stesse?

Donna che trova se stessa
Sarà capitato a tutti di sentirsi smarriti, incerti o alla ricerca di un equilibrio che sembra difficile da trovare. Per superare questa fase, capiamo insieme cosa significa davvero trovare se stesse

Un periodo di stress al lavoro, un’incomprensione con il proprio partner che si prolunga, un senso di insoddisfazione di cui non riusciamo a trovare l’origine. Possono essere tanti i motivi per cui a volte ci sentiamo persi, bloccati, incapaci di prendere una direzione e capire come trovare noi stessi.

È normale e la buona notizia è che non sei sola. Ma anche se – come dicevano gli antichi - mal comune mezzo gaudio, il primo passo per ritrovare una serenità o migliorare il nostro stato d’animo è capire cosa significa davvero trovare se stesse.

Conosci te stesso

È una delle massime più conosciute e più antiche, risalente all’epoca greca e iscritta nel tempio di Apollo a Delfi: conosci te stesso. Già allora, i saggi esortavano gli uomini a riconoscere la propria condizione e i propri limiti, prima di intraprendere qualunque strada. E chi siamo noi per sfuggire a un’antica saggezza che è resistita millenni?

VEDI ANCHE

Perché il tuo giudicare gli altri riguarda il tuo modo di essere e non il loro

Lifestyle

Perché il tuo giudicare gli altri riguarda il tuo modo di essere e non il loro

Come per ogni cosa, il primo passo per cercare di cambiare una condizione, sfuggire a un malessere ma anche solo (e non è poco) migliorare il proprio stato di benessere è guardarsi dentro, con onestà e senza cercare di nascondersi. E se è vero che questa sensazione è spesso legata a un senso di smarrimento difficile da imputare a una causa precisa, sicuramente fermarsi a riflettere e – perché no – buttare fuori quello che non ci fa stare bene può essere utile per provare a invertire la rotta.

Scrivere, disegnare, ma anche ballare, cantare o svolgere un’attività che in qualche modo ti aiuti ad esorcizzare il problema, a limitarlo, a fissarlo nero su bianco sulla pagina o durante una danza scatenata nel tepore della tua casa può essere un buon modo per iniziare.

Nessuno ti può giudicare, nemmeno tu

Se sei riuscita a individuare il problema, o se non l’hai ancora fatto perché non ti sentivi pronta, il passo successivo – ma forse anche quello precedente –, l’origine di questo viaggio alla ricerca di noi se stesse è sempre uno: non giudicarti con troppa severità. Il nostro occhio interiore è forse il giudice più intransigente che esista, sempre pronto a ricordarci fragilità e debolezze del nostro essere.

E se riconoscere i nostri limiti è fondamentale per non lasciarsi sopraffare dagli eventi, lo è altrettanto non permettere che questo giudizio ci possa in qualche modo sminuire.

Può essere un buon proposito da portare avanti, magari scrivendolo su un post-it da guardare all’occorrenza: smettere di sottovalutarsi. E se non ce la fai da sola – lasciamo Wonder Woman lì dov’è – sentiti libera di parlarne con qualcuno, che sia un’amica o uno specialista. Non lasciare che quello che hai dentro rimanga lì, intrappolato tra le incertezze e i dubbi del nostro infinito ma anche meraviglioso groviglio interno. Parole, parole, parole!

VEDI ANCHE

Perché è importante smettere di paragonarsi agli altri per vivere in maniera più piena

Lifestyle

Perché è importante smettere di paragonarsi agli altri per vivere in maniera più piena

Regalati del tempo

Spesso il viaggio interiore è associato a quello reale, come un modo per riappropriarsi del proprio tempo, scoprendo cose nuove del mondo che ci circonda e di quello che abbiamo dentro. Non è sempre facile concedersi un viaggio, per questioni economiche, di tempo o di organizzazione. Ma iniziare a pianificare può senz’altro aiutarci, provando ad evadere attraverso la scoperta dell’itinerario da compiere, dei posti da vedere, delle culture da scoprire.

Ma ci sono altri modi per regalarsi del tempo, per riappropriarsi di una libertà che a volte è messa a dura prova dalla routine quotidiana. Anche solo leggere un libro, ascoltare un buon disco o semplicemente fermarsi a pensare, ritagliandoci ogni giorno del tempo che sia nostro e solo nostro.

Un’altra delle attività più consigliate è la meditazione, che può fare o non fare al caso vostro. Il mondo è bello perché è vario, ma perché non concedersi l’emozione di provare? Meditare non è semplice, così come sgombrare la mente dai pensieri, ma una volta trovata la chiave, questa ci permette di connetterci alla nostra essenza interiore, ritrovando consapevolezza e allontanando stress e ansia. Provare per credere!

Organizza il tuo mondo

E come in ogni disciplina che si rispetti, dalla teoria si passa alla pratica. Il tempo è prezioso, ma lo è anche l’ambiente di cui ti circondi ogni giorno, i tuoi mobili, le tue cose. Fare ordine può essere un buon modo per creare il giusto spazio – interno ed esterno – che ti serve.

Prova a darti degli obiettivi: che sia fare ordine nell’armadio, sistemare la libreria o rendere più accogliente l’ambiente in cui vivi e magari lavori. Piante, quadri, oggetti colorati possono aiutare l’umore, mentre riordinare l’armadio può dare più soddisfazione di quello che pensiamo. Magari lì, nascosto sotto montagne di vestiti, c’è proprio quell’abito di cui non ti ricordavi e che ora non vedi l’ora di indossare.

Non cercare sempre l’occasione giusta per sentirti giusta, prendi e vai. Esplora la tua città, i parchi, concediti una passeggiata. Oppure prenota quella mostra che tanto ti interessava o inizia il corso che da tempo continui a rimandare. È il momento di fare quello che ti fa stare bene. È il momento di darti fiducia e di trovare te stessa!

Riproduzione riservata