Selfcare

La grassofobia fa male a noi e agli altri: smettiamo di esercitarla così

Grassofobia
02-04-2022
Maria Bellotto
La grassofobia si presenta come la paura, il pregiudizio, la discriminazione generalizzata verso le persone grasse o un irrazionale timore di aumentare di peso e può essere molto pericolosa per sé stessi e per gli altri. Ma come liberarsene?

Inutile negarlo, viviamo in una società che, pur parlando moltissimo di body positivity e accettazione del proprio corpo, è intrisa di grassofobia e ancora predilige corpi magri, silhouette filiformi e promuove un ideale di bellezza che non ha fatto molti progressi negli ultimi vent’anni.

Se mondi come la moda o il cinema ancora hanno molta strada da fare quando si tratta di body positivity, sempre di più però si parla di grassofobia e in molti chi chiediamo: di cosa si tratta? Sono inconsciamente grassofobica? Come posso smettere di esercitare questo pregiudizio verso me stessa e gli altri?

VEDI ANCHE

La bellezza non è un dovere: da dove nasce il dibattito sul corpo delle donne

Culture

La bellezza non è un dovere: da dove nasce il dibattito sul corpo delle donne

Cosa è la grassofobia e perché ne siamo vittime

Con grassofobia si intende il pregiudizio che si ha nei confronti delle persone grasse o sovrappeso e un timore spropositato di ingrassare.

Questo stereotipo negativo è profondamente radicato nella società occidentale e in quella che viene comunemente definita la cultura della dieta (o diet culture), ovvero quella cultura che vede i corpi magri come desiderabili e conformi agli standard di bellezza più in voga.

Gli esempi di grassofobia e di pregiudizi sul peso riguardano molti settori della nostra vita, a volte senza che ce ne rendiamo nemmeno conto.

Dai negozi di abbigliamento che non sono inclusivi nel range di taglie, ai sedili degli aerei troppo piccoli, o episodi di discriminazione in campo medico e sanitario, quello della grassofobia è un tema davvero caldo, su cui è importante fare molta attenzione - e a volte anche un bell’esame di coscienza.

Come capire se si è grassofobici

Porsi il problema se si soffra di grassofobia è certamente il primo passo per liberarsi di questi pregiudizi, dannosi per noi stessi e per gli altri. Viviamo in una società guidata dalla cultura della dieta che equipara il peso al valore, e ci dice che un corpo grasso è un problema da risolvere il prima possibile attraverso diete restrittive e sfiancanti sessioni in palestra.

Tuttavia questo atteggiamento è molto pericoloso: nessun corpo è sbagliato, brutto o indesiderabile, così come copri magri non sono automaticamente più validi e degni di rispetto di altri.

Anzi, un pregiudizio di questo tipo, se inculcato fin da piccoli può portare anche a gravi disturbi di ansia o di bassa autostima (che però sì, è possibile aumentare con alcuni esercizi), con conseguenze molto gravi sulla salute.

Lo stigma del peso, la discriminazione, il bullismo e le prese in giro possono infatti avere un impatto negativo a volte per tutta la vita sulla salute mentale di una persona, sulla sua immagine corporea e anche sul rapporto che ha con il cibo e l'esercizio, ed è fondamentale che impariamo a neutralizzare questi pregiudizi anche per salvaguardare la salute delle nuove generazioni.

VEDI ANCHE

Body Positivity e Body Neutrality: ecco perché dovremmo scegliere il secondo

Lifestyle

Body Positivity e Body Neutrality: ecco perché dovremmo scegliere il secondo

Come smettere di essere grassofobici

Okay, forse inconsciamente hai avuto atteggiamenti grassofobici, verso te stessa o verso gli altri. Ma la buona notizia è che, ora che hai preso coscienza di questa cosa, puoi migliorare e liberarti della grassofobia.

Per ridurre i pregiudizi di peso che abbiamo interiorizzato nel corso del tempo, bisogna imparare innanzitutto da coloro che ne hanno sofferto; informati, chiedi agli attivisti del settore (le ragazze di Belle di faccia parlano in modo molto chiaro e inclusivo della questione) o magari a delle amiche che hanno subito body shaming (in particolare fat shaming) in passato.

Già questo è un primo passo per avere una maggiore comprensione del problema e iniziare a fare dei primi passi per superare questi stereotipi.

Trova nuove fonti di ispirazione

Soprattutto sui social, siamo costantemente bombardati di corpi snelli e in forma e questo può essere davvero frustrante. Cerca invece profili di persone con corpi diversi e abituati a vedere altri canoni di bellezza che non siano le solite modelle da copertina.

E quando proprio senti di essere sul punto di scoppiare, ricordati che quello che vedi sui social media non è sempre un riflesso della realtà e, soprattutto, che noi valiamo molto di più del nostro aspetto e del nostro corpo.

Sfida i tuoi pregiudizi sulla grassofobia

Quando ti ritrovi a pensare negativamente alle persone con corpi non conformi agli standard di bellezza dominanti o a considerare “grasso” come un’accezione negativa, prenditi un minuto per riflettere su questi pensieri e dare loro la giusta dimensione.

Non puoi giudicare una persona e il suo valore solo basandoti sul suo peso e “grasso” è un aggettivo come un altro e non porta con sé alcuna componente negativa o positiva. Tutti, indipendentemente dalle dimensioni e dalla forma del loro corpo, sono degni di dignità e rispetto!

Condividi la tua battaglia con chi ti circonda

A causa della cultura della dieta, i pregiudizi sul peso sono molto radicati nella nostra società e ci vuole continuo impegno da parte di tutti per sfidarli e sradicarli. Alcune persone potrebbero persino non rendersi conto di essere discriminatorie o offensive.

Aiutali ad accettare questa realtà sgradevole e condividi ciò che hai imparato, incoraggindo chi ti sta attorno a guardare oltre l'apparenza.

Come per tutto ciò che riguarda pregiudizi, bias e stereotipi, non è sempre facile superarli e guardare alle cose con mente aperta; tuttavia riconoscere di avere un problema è il primo step per risolverlo.

Informati sul movimento della body acceptance, della body positivity e impara a non giudicare una persona (o te stessa) per il tuo peso o la forma del tuo corpo.

C’è molto di più che puoi dare al mondo, che non semplicemente un corpo magro o in forma!

Riproduzione riservata