Selfcare

Come si fa a smettere di complicarsi la vita?

smettere di complicarsi la vita
Siamo tutti bravi a creare problemi anche quando non ci sono e ad ingigantire questioni banali. A volte però basta davvero poco per smettere di complicarsi la vita

Se c’è una cosa che riesce bene praticamente a tutti, quella è complicarsi la vita. Cerchiamo problemi dove non ce ne sono, spesso ci facciamo carico di questioni che non sono nostre e la tendenza è sempre la stessa: accumulare preoccupazioni invece che liberarsene.

A volte la vita sembra estremamente complicata e le inquietudini così tante da non avere la più pallida idea di come affrontarle. Ecco, sappi che questo capita a tutti. I momenti no, in cui ci sentiamo falliti, sconfitti o semplicemente senza energie perché tutto ci sembra fuori dal nostro controllo fanno parte della vita proprio come i momenti di entusiasmo e soddisfazione.

La verità è che spesso complichiamo eccessivamente le cose, senza riuscire a visualizzare la realtà per quella che è, mettendo a fuoco le questioni che ci vengono poste senza aggiungere panico e ansia. Dobbiamo imparare a fermarci per prendere fiato e rilassarti: solo così, alla giusta distanza e con un po' di distacco potremo vedere le cose per come stanno realmente.

Dai alle cose (e alle persone) il valore che meritano

Sentiamo tutti il bisogno di piacere agli altri e di sentirci accettate e apprezzate, ma non possiamo piacere a tutti. Sarebbe bello, bellissimo, ma significherebbe essere persone finte, senza sentimenti e momenti negativi. Impariamo a pensare che il nostro valore non dipende dall'accettazione da parte dell'altro, ma dalla nostra scala di valori e dalle nostre azioni.

Per questo motivo prendere distanza dalle cose o dalle persone che ci fanno stare male e ci complicano la vita può essere un esercizio utile per imparare a dare loro il giusto valore e rivedere la nostra personale scala di priorità. Non dobbiamo per forza tenere tutto, ci basta quello che ci fa stare bene (o comunque non troppo male).

Non perdere tempo a cambiare le persone

Un modo per complicarsi la vita in maniera inutile è quello di cercare di cambiare le persone. Questa pretesa è inutile e dannosa e spesso ci crea ansia. Ricordiamoci innanzitutto che non si può avere il controllo sugli altri e che ognuno di noi è diverso dall'altro.

Quella di cercare di cambiare e controllare le persone che ruotano intorno a noi è una fatica inutile e presuntuosa che non può mai essere giustificata dall'amore. Se si ama qualcuno e si pensa che questa persona ci faccia bene, allora bisogna accettarla per com'è.

Altrimenti, se ci rendiamo conto che accettare alcuni lati del carattere di chi frequentiamo, allora forse è il caso di chiedersi se non faremmo meglio a passare il nostro tempo con qualcun altro.

Parla chiaramente

Il linguaggio, prima di tutto il resto, può aiutarci a semplificarci la vita. Ricordiamoci che i nostri interlocutori, che siano amici, partner o colleghi di lavoro, non sanno leggerci nel pensiero e possono interagire bene con noi solo attraverso quello che comunichiamo.

Per questo motivo, parlare chiaramente, spigare i nostri pensieri nella loro interezza senza pretese che l'altro intenda i non detti, può aiutarci a vivere le cose in maniera meno problematica. Ricordiamoci che se ciò che diciamo non è chiaro, è probabile che venga interpretato male e ciò causerà problemi ai nostri rapporti.

Se invece impariamo a comunicare in maniera limpida, gli altri potranno capire quali sono i nostri bisogni reali e agire di conseguenza, escludendo ipotesi e non detti che sono alla base di molti problemi quotidiani.

Impara a perdonarti

Sbagliare è umano: quella della perfezione è un'illusione inutile quanto nociva. La società in cui viviamo ci porta a pensare che dovremmo essere sempre performanti, carine, sorridenti e utili, ma a volta semplicemente non va così.

Capire che il fallimento fa parte della vita proprio come il successo è importante per imparare a stare bene con se stesse e migliorare la nostra vita. Essere sempre iper critiche con se stesse non aiuta perché, se a volte l'autocritica costruttiva può rivelarsi utile e stimolante, quella distruttiva alimenta un circolo vizioso di negatività che ci fa sentire ancora più sbagliate.

Per questo motivo dobbiamo imparare da un lato a liberarci dal giudizio altrui, che ricordiamolo non è infallibile e dall'altro a essere più clementi con noi stesse e con i nostri errori perché tutti, ma davvero tutti, possono sbagliare.

Allontanati dai rapporti tossici

I rapporti tossici sono il male. Il nostro benessere dipende moltissimo da come stiamo con noi stesse, ma anche dalle persone di cui ci circondiamo: per questo motivo dovremmo imparare a liberarci dalle persone che ci fanno stare male.

Scegliere di trascorrere il nostro tempo, la nostra vita, con persone che vogliono il nostro bene, o almeno non il nostro male, è un passo fondamentale per smettere di complicarsi la vita. Persone gentili, motivanti, mature, invece che asfissianti e abusanti migliorano di certo la qualità della nostra esistenza. Ricordiamoci, inoltre, che non dobbiamo per forza andare d'accordo con tutti.

Troncare un rapporto non è mai semplice, ma iniziare a pensare che se qualcuno ci fa stare male e ci appesantisce inutilmente, allora il tempo passato con lui o con lei è tempo sprecato è di certo il primo passo per migliorare il nostro stato e incamminarci verso il benessere.

La vita spesso prende il sopravvento e a volte basta davvero poco per risollevarsi dai momenti no, altre volte invece c'è bisogno di chiedere aiuto a un esperto psicologo o psicoterapeuta che possa aiutarci a comprendere perché ci sentiamo così sopraffatti.

Riproduzione riservata