Selfcare

Come gestire le persone negative

Come gestire le persone negative
08-03-2022
Non hanno mai un approccio positivo alla vita e tendono a tirare giù con loro chi hanno attorno: ecco come riconoscere e difenderti dalle persone negative

Possiamo essere le persone più positive del mondo ma se ci circondiamo di negatività inevitabilmente un po’ di queste emozioni ci intaccheranno; ecco perché sarebbe consigliato attorniarsi di chi emana un’aura positiva e di chi affronta la vita con più entusiasmo. Talvolta però dobbiamo affrontare e gestire persone negative. Ma come puoi fare? Vogliamo fornirti qualche strategia intelligente per riconoscerle e affrontarle nel modo giusto.

Come riconoscere le persone negative

Prima di affrontarle è importante riconoscerle; la psicologia ci sta insegnando ad etichettare tantissime tipologie di problematica: dal narcisista a chi assume atteggiamenti passivo aggressivi, dagli individui tossici a chi sfrutta il vittimismo. Oggi invece vogliamo focalizzarci su chi acquisisce comportamenti negativi. Prima di poterle affrontare nel modo corretto è importante riconoscerle; chiaramente non ci si riferisce ad amicizie strette che stanno affrontando saltuari momenti no e che quindi hanno momenti di sconforto.

Le persone negative sono quelle che si ancorano al momento di dolore, sottolineandolo come se non ci fosse modo di superarlo. Tendono ad isolarsi e non vedono mai (o quasi) un lato positivo; al contrario riescono a trovare subito l’elemento buio in una situazione.

Tra gli altri elementi che identificano questi soggetti troviamo la voglia di sminuire, scoraggiando costantemente le persone che ottengono i successi, la rabbia nel vedere che le cose non vanno esattamente come desiderano ma soprattutto un sospetto verso gli altri tanto da pensare che tutti parlino male di loro. Ora che hai qualche elemento per riconoscerle vediamo come puoi gestire le persone negative.

Allontanale

Si tratta di un rimedio drastico e non sempre possibile poiché talvolta si tratta di amicizie strette, colleghi con cui si hanno contatti quotidiani oppure familiari. Tuttavia in alcuni casi queste persone si trasformano in veri e propri vampiri energetici, e oltre a scaricare la loro negatività addosso alle persone vicine non danno davvero nulla in cambio, piegando il rapporto unicamente alla loro convenienza.

Cercare di limitare la loro frequentazione però può metterti al riparo dalle loro emozioni, facendo in modo che abbiano una influenza sempre minore sulla tua vita. Fai in modo quindi che non possano rovinare il tuo ambiente, cerca di proteggere la tua felicità e il tuo tempo libero da questa tipologia di persone ed emozioni.

VEDI ANCHE

Cosa sono i confini personali e perché è importante stabilirli

Lifestyle

Cosa sono i confini personali e perché è importante stabilirli

Definisci i tuoi limiti

Soprattutto per chi è più empatica, fare questo passo può risultare difficile. Eppure definire i tuoi limiti è senza dubbio un ottimo modo per gestire le persone negative. Ancora di più se la persona negativa sa di poter giocare con i sensi di colpa; pensa al tuo benessere però e a quanto invece questo atteggiamento possa distruggerlo. Se non puoi, o non vuoi, allontanare chi è troppo negativo attorno a te puoi provare a definire i tuoi limiti.

Una volta stabiliti dei confini non valicabili, potrai proteggerti e saprai anche come e dove fermare le persone che proveranno ad esagerare. Potrebbe essere un buon modo per non abbandonare questi legami, riuscendo però anche a tutelarti.

Non frequentarli da sola

Talvolta queste persone fanno parte della tua cerchia stretta di amicizie o di parenti; per questo motivo tagliarle fuori dalla tua vita non è possibile. Un buon modo per riuscire a bilanciare e gestire le persone negative è non frequentarle da sola.

Fai in modo che siano presenti altri amici o familiari dal mood più allegro, vivace e positivo così da combattere a colpi di battute ed emozioni positive l’energia che si verrà a creare.

Non dare troppe attenzioni

Una persona negativa tende spesso a sguazzare nel proprio dolore; sembra quasi crogiolarsi in un bagno di sofferenze e in un certo senso la colpa è di chi gli dà molte attenzioni. Chi ad esempio sfrutta i ricatti emotivi rientrando in uno schema di vittimismo manipolativo sa di essere al centro dell’attenzione delle persone che desiderano “salvarle”. Smettendo di dare le attenzioni che cercano, sviando l’attenzione hai la speranza che loro cambino atteggiamento o comunque avrai l’occasione di salvarti da questo ciclo di energie negative che vanno a generare stress fino a spegnerti.

Non farti coinvolgere è chiaramente una delle migliori soluzioni per gestire questa tipologia di personalità; riuscire ad evitare che superino i limiti e riuscire a resistere dall’idea di salvarle dal loro momento no può metterti al riparo.

VEDI ANCHE

Come riconoscere i comportamenti tossici e affrontarli

Lifestyle

Come riconoscere i comportamenti tossici e affrontarli

Aumenta la tua consapevolezza

Essere consapevole è un altro trucco per provare ad avere a che fare in modo più positivo con chi ha un atteggiamento ostile.

Se tu conosci il tuo stato emozionale e lavori sulla tua sicurezza, le persone che interagiscono da fuori non potranno rompere il tuo equilibrio.

Capisci l’obiettivo e difenditi

Una persona negativa ha spesso una forte insicurezza che va a traslare non solo su se stessa ma anche alle persone che ha attorno. Diffonde rancore, ansia ed insicurezza dando l’effetto che la propria nuvoletta di negatività sia tossica e contagiosa.

Devi sapere che ci sono degli schemi di persone più soggette a diventare vittime: chi soffre di insicurezza verrà presto assorbito ma è soprattutto chi cerca di trovare lati positivi e riesce a raggiungere un equilibrio e un’armonia interiore che rischia di essere perseguitata.  

Non raccontare i tuoi traguardi

Raccontare i tuoi traguardi e i tuoi successi significa esporti all’invidia: se desideri gioire di un obiettivo raggiunto evita di raccontarlo davanti a chi ha questa tipologia di atteggiamento perché potrebbe buttarti giù.

Un ottimo rimedio è quindi mettere al riparo e proteggere questi tuoi momenti di gioia, evitando che degli attacchi immotivati possano raggiungerti e ferirti.  

Riproduzione riservata