Selfcare

Come si fa a essere davvero un supporto emotivo per gli altri?

supporto emotivo
10-03-2023
Cos'è e cosa significa dare supporto emotivo a chi ha bisogno di aiuto? Ecco come darlo nel modo corretto e gli errori da non fare.

Capita a tutti, prima o dopo nell’arco della vita, di essere in difficoltà. Di aver bisogno di avere qualcuno accanto, pronto a supportarci e a farci sentire che non siamo soli e che possiamo farcela, nonostante tutto e, soprattutto, nonostante spesso il nostro più grande nemico siamo proprio noi stessi. Un supporto emotivo che ci spinga a non mollare, ad andare avanti e che doni conforto. Un aiuto che spesso è difficile da ottenere poiché, darlo, può essere più complicato di quanto non sembri in realtà.

Dare supporto emotivo a una persona, infatti, non significa solo essere presenti fisicamente e rivolgere qualche parola dolce a chi si ha vicino, ma è un modo per aiutare le persone a sentirsi connesse e meno sole. Come? Per esempio sapendo ascoltare senza giudizio e dimostrando un buon livello di empatia verso chi si ha davanti e verso ciò che sta provando. Ma senza mai sostituirsi alla persona nel prendere decisioni o nel sistemare le cose. Insomma, per dare realmente supporto emotivo a qualcuno è bene capire esattamente come farlo nel modo corretto, diventando un aiuto concreto e un valore aggiunto per chi si ama.

VEDI ANCHE

Capire la differenza tra essere disponibili ed essere accomodanti ci migliora la vita

Lifestyle

Capire la differenza tra essere disponibili ed essere accomodanti ci migliora la vita

Cos’è il supporto emotivo

Per prima cosa, quindi, è bene comprendere nel dettaglio cosa si intende con supporto emotivo. Un qualcosa che va molto al di là della classica pacca sulla spalla o parola di conforto, ma un aiuto che avvolge la persona, rassicurandola e portandola a poter agire in autonomia, con una visione diversa di ciò che vive e con uno spirito più positivo.

Di fatto, quindi, quando si parla di supporto emotivo e di come darlo agli altri, si fa riferimento a una serie di gesti, comportamenti e parole volte alla cura di chi si ha davanti, dimostrando anche una buona dose di attenzione e di  compassione per l’altro. Un modo di aiutare che, però, dovrebbe sempre essere:

  • rispettoso, trattando la persona che si sta aiutando con dignità e considerazione;
  • non giudicante, ovvero senza giudicare i pensieri, i sentimenti o la prospettiva dell'altro nel vedere le cose;
  • incondizionato, il che significa che la persona non dovrebbe fare nulla o reagire in alcun modo specifico per ottenere supporto e viceversa non ci si dovrebbe aspettare nulla in cambio;
  • compassionevole, fornendo rassicurazione e comprensione costante;
  • centrato sulla persona, che si concentra sui desideri e sui bisogni della persona che cerca supporto e non sui propri o su quelli che si pensano essere i migliori in base alla propria esperienza personale.

Le caratteristiche di un buon supporto emotivo

Di fatto, quindi, e come visto, dare supporto emotivo richiede una completa partecipazione da parte di chi lo dona. Entrando davvero in connessione con l'altro e capendone i bisogni ed esigenze, distaccandosi dalla propria visione privilegiata delle cose, per immergersi e comprendere davvero quella dell’altro. Un aspetto che è possibile raggiungere in diversi modi.

Ascolto attivo

L'ascolto attento prevede che la persona che ha bisogno sia davvero ascoltata dimostrando un impegno diretto e un interesse reale verso ciò che si sta ascoltando, dandogli importanza. Per ascoltare attivamente una persona, quindi, si dovrebbe:

  • prestare all'altro massima attenzione;
  • lasciar parlare senza giudizio;
  • fare domande per comprendere meglio le loro esperienze;
  • riassumere verbalmente ciò che si è ascoltato e rifletterci insieme.

VEDI ANCHE

Cinque cose da fare per stare vicino a un’amica in un momento di dolore

Lifestyle

Cinque cose da fare per stare vicino a un’amica in un momento di dolore

Empatia e convalida di ciò che si prova

Entrare in empatia con chi si ha davanti e con le diverse esperienze vissute dallo stesso è una parte di grande importanza quando si sta cercando di dare supporto emotivo. E questo perché chi ha empatia è nella condizione di  poter comprendere e sentire a pieno i sentimenti vissuti da chi si ha davanti, mettendosi nei suoi panni ed entrando in connessione con essi, percependoli in modo concreto. E capendo così, in base a ciò che si prova, come agire e quali parole o gesti dedicare a chi si sta aiutando, donando massima comprensione e normalizzando queste emozioni e il loro svolgersi.

Amore, cura e incoraggiamento

Chi è in cerca di supporto emotivo, di base, sta cercando anche la sensazione di sentirsi amato, ben voluto, non solo. Ecco perché è importante far sentire che si è lì per lui/lei, che si è pronti ad ascoltare, che si vuole davvero il bene dell’altro e che, qualunque cosa accada, si è lì pronti ad aiutare. Anche solo ascoltando, facendo domande e, solo se richiesto (e se si è in grado), dando consigli.

Offrire supporto materiale

Quando si cerca di dare supporto emotivo un altro aspetto che può migliorare le cose e la vita di chi lo sta cercando è anche il supporto materiale, ovvero l’aiuto “fisico” che implica l'esecuzione di compiti o servizi. Esattamente come nel caso dei consigli non bisogna mai imporsi, ma è bene che sia chi si ha vicino che ce lo chieda, magari durante un suo sfogo, che voi sarete pronti a cogliere offrendo il vostro aiuto, come risposta alla sua richiesta indiretta.

Cosa non fare quando si dona supporto emotivo

Di contro, poi, se è bene imparare come dare supporto emotivo nel modo corretto, è anche bene sapere cosa non si dovrebbe fare o dire, ovvero quei gesti che potrebbero vanificare la vostra intenzione di supportare chi avete accanto come:

  • dire a una persona come si dovrebbe sentire o di provare a cambiare la sua mentalità, perché questo andrebbe a sminuire ciò che prova e/o sente; 
  • banalizzare il problema, poiché questo potrebbe far sentire peggio la persona oltre che in colpa per il modo in cui sente o vede le cose;
  • sentenziare di sapere come si sente l’altro, che sia vero o meno è sempre importante ascoltare e lasciare sfogare chi si ha vicino, è la sua esperienza che conta non la vostra;
  • mostrare fastidio o affrettare la conversazione: se non avete tempo o voglia di aiutare chi avete di fronte tanto vale non farlo.

Il supporto emotivo implica partecipazione e un‘attenzione totale al bisogno di chi sta chiedendo aiuto, lasciando da parte i propri e, almeno per il tempo richiesto, mettendo al centro dell’attenzione qualcuno diverso da sé.

Riproduzione riservata