Selfcare

Cos’è il busy bragging e perché dovremmo farci attenzione

Donna molto occupata
Il busy bragging è un fenomeno sempre più diffuso e che può rivelarsi pericoloso: come individuarlo e combatterlo

Mai sentito parlare di busy bragging? Forse no, ma di sicuro ti sarà capitato di imbatterti in questo fenomeno. Accade, ad esempio, quando la tua amica continua a lamentarsi del fatto che è sempre troppo impegnata e che non riesce a stare dietro a tutto, ma poi ti capita sistematicamente di vederla online su Instagram.

Oppure quando il collega di turno non fa altro che lagnarsi del fatto che ha troppo lavoro in sospeso, ma poi lo incontri più al bar che in ufficio. Tutte questo persone – ahimè – stanno praticando il busy bragging. Ma attenzione, nessuno ne è immune, perché anche tu potresti mettere in atto questo meccanismo.

VEDI ANCHE

Cosa è la “stresslaxation” e perché persino il relax può stressarci

Lifestyle

Cosa è la “stresslaxation” e perché persino il relax può stressarci

Cos’è il busy bragging

Il busy bragging deriva dall’unione di due parole inglesi: “busy”, che vuol dire occupato, e “to brag” che significa vantarsi. Sta a indicare dunque l’atteggiamento di una persona che non fa altro che elencare i propri impegni durante la giornata nel tentativo di dimostrare di avere un’esistenza occupata e piena. Per alcune persone, secondo gli esperti, si tratta della dimostrazione di una necessità. Adorano infatti l’illusione di essere molto occupati, questo perché gli impegni hanno la capacità di farli sentire molto importanti.

Perché lo facciamo

I motivi che spingono a praticare il busy bragging sono tanti. In alcuni casi dietro ci sono una bassa autostima e un rapporto difficile con i genitori, segnato da una mancanza di attenzioni. Da questo punto di vista l’avere tanti impegni fa sentire importanti, dunque meritevoli di amore. Fra le cause psicologiche ci potrebbe essere pure un problema profondo oppure la paura di andare a fondo e affrontare una scomoda verità. Dunque chi pratica il busy bragging trae soddisfazione nell’affermare di essere molto impegnato oppure di avere a disposizione poco tempo libero. Spesso però queste parole non corrispondono alla verità.

Ma non è finita qui, perché secondo i sociologi il fenomeno è diventato, nella società odierna e iper connessa, una sorta di status symbol. Dunque un motivo di valore e la dimostrazione di essere migliori rispetto agli altri. Da qui la voglia di lamentarsi continuamente sui social, fra post e scatti in cui si parla solo dei propri impegni, oppure la necessità di monopolizzare le conversazioni con continui richiami al poco tempo libero a disposizione.

VEDI ANCHE

Perché rimandare le cose da fare può essere positivo

Lifestyle

Perché rimandare le cose da fare può essere positivo

I rischi del busy bragging

Se da una parte l’idea che qualcuno si finga occupato per sentirsi importante potrebbe far sorridere, in realtà il busy bragging ha delle conseguenze non indifferenti.

Questa tendenza infatti si rivela un fastidioso boomerang che spinge a sfruttare e spendere tantissime energie mentali, mettendo a rischio l’equilibrio psicofisico. In più si perde tantissimo tempo – per lamentarsi, per raccontare quanto si è occupati, per farlo sapere a tutti – che invece si potrebbe sfruttare in altro modo.

Come migliorare la qualità del tempo libero

Il busy bragging ci porta a riflettere su un altro tema importante: la qualità del tempo libero. Si tratta di qualcosa di prezioso - forse una delle più preziose - che abbiamo e di cui dobbiamo prenderci cura nel modo giusto. Il tempo libero è definito “libero” proprio perché è tuo e puoi farci quello che vuoi. Nel tuo tempo libero puoi vivere avventure, ridere, riposarti e imparare qualcosa. L’imperativo è solo uno: devi goderne appieno per trovare (e rincorrere) la tua vera felicità.

  • Ritagliati i tuoi momenti

Il tempo libero non capita per caso, ma sei tu che devi scegliere di viverlo. Si tratta di qualcosa di fondamentale per la salute mentale e fisica, dunque è un tuo diritto.

  • Ricordati che è solo tuo

Sembra qualcosa di semplice, ma in realtà spesso ci scordiamo che il tempo libero è solamente nostro, così finiamo per dedicarlo agli altri o per farcelo “rubare”. Consideralo invece sempre qualcosa di sacro e non consentire a nessuno di gestirtelo o negartelo.

  • Non dimenticare il relax

Se hai del tempo libero non devi per forza “riempirlo” con qualcosa, che siano impegni, attività e uscite. Lascia invece sempre un po’ di spazio a un momento di riposo “tradizionale”: un buon libro, il divano e un riposino.

  • Scegli con chi stare con cura

Le persone con cui passi il tuo tempo libero sono fondamentali perché serviranno ad arricchire e rendere indimenticabili quei momenti. Dunque non trascurare l’importanza delle persone che sono al tuo fianco: che siano belle, che possano aiutarti a crescere e a sorridere.

  • Cogli l’attimo

Vietato organizzare tutto nei minimi dettagli! A volte il bello sta proprio nel sorprendersi e nel lasciarsi andare al destino. Cogli le occasioni che ti capitano, pronuncia qualche “sì” in più e vedrai che resterai sorpresa, vivendo tempo libero di qualità, all’insegna di nuove avventure e di scoperte straordinarie.

Riproduzione riservata