Selfcare

A volte le cose non vanno come ci aspettavamo: come affrontarlo in modo sano

delusione
Ti capita di avere aspettative che non si realizzano? Cosa fare in questo caso, mollare tutto, ridimensionare i progetti, o continuare a lavorarci per realizzare i piani originali?

A volte, le nostre aspettative non corrispondono alla realtà: nonostante il tempo e gli sforzi che dedichiamo alla pianificazione di qualcosa, le cose vanno storte e tutto va in pezzi. Che si tratti di un incontro importante, di una cena o di una vacanza, è capitato a tutti quanti noi. Può essere deludente e sconvolgente quando le cose non vanno come previsto.

Vi spieghiamo perché ci arrabbiamo quando le cose non vanno come previsto e illustriamo alcune strategie di coping che possono essere utili in queste situazioni. Se impariamo a essere più flessibili e a concentrarti sulle soluzioni e a dedicare le nostre energie nel “riprovarci”, potremmo sentirci meglio la prossima volta che le cose andranno diversamente da quanto ci aspettavamo o nel momento in cui riusciremo a raggiungere un traguardo, anche più piccolo e realizzabile.

VEDI ANCHE Le aspettative non fanno sempre male: come usarle per migliorare la relazione LifestyleLe aspettative non fanno sempre male: come usarle per migliorare la relazione

Perché siamo turbati quando le cose non vanno come previsto?

Alla maggior parte delle persone piace avere un senso di controllo quando si tratta di pianificare le attività programmate, con la convinzione che sia il modo per raggiungere le proprie aspettative. Sapere cosa aspettarci può aiutarci a sentirci mentalmente preparati per ciò che verrà.

Anche il più piccolo cambiamento nei programmi può farci sentire come se la nostra intera giornata fosse stata buttata fuori rotta, anche un leggero cambiamento nel piano originale può significare che dobbiamo modificare il resto dei nostri piani o, in alcuni casi, abbandonarli del tutto. Purtroppo, questo capita a molti di noi.

Il non raggiungimento di una aspettativa può causare ansia, frustrazione, irritazione, rabbia, delusione e altri sentimenti negativi. Se questi cambiamenti non sono stati programmati, a volte potrebbero causare conflitti e interruzioni nelle nostre relazioni con gli altri.

A volte potremmo anche avere la sensazione che la nostra vita non stia andando come previsto. Un grave fattore di stress come una rottura, un divorzio, la perdita del lavoro, una grave diagnosi di salute, la perdita di una persona cara o una sensazione generale di mancanza di controllo possono innescare questi pensieri e farci sentire in questo modo.

Come affrontare le aspettative disattese?

Cosa fare, dunque, per superare la crisi in cui ci hanno fatto piombare le aspettative disattese?

Per prima cosa riflettiamo sulle nostre reazioni. Quando le cose non vanno come previsto, potresti sentirti arrabbiata, irritata, turbata, delusa, ansiosa, spaventata o frustrata. Può essere utile fermarsi e pensare al motivo per cui ti senti in questo modo. Comprendere i tuoi fattori scatenanti emotivi è il primo passo per accettarli e affrontarli.

Poi lavoriamo sulla flessibilità: se qualcosa cambia nel tuo programma, prenditi un momento per valutare come ciò influisce su di te e se puoi gestire realisticamente il cambiamento dei piani. Invece di reagire immediatamente o dare per scontato il peggio, cerca di capire con calma e logica se puoi o meno accogliere il cambiamento. Potresti scoprire che in effetti sei in grado di affrontarlo. Se non puoi, va bene lo stesso.

Lo abbiamo già detto, concentrarsi sulle soluzioni è la chiave risolutiva. Prova ad affrontare le modifiche al piano cercando soluzioni. Come? Nulla è sprecato, ogni esperienza può portarci qualcosa, e può essere il punto di partenza per riprovarci. Vedi ogni tentativo come uno step verso il raggiungimento delle tue aspettative.

VEDI ANCHE La paura del fallimento può paralizzarci: impariamo a superarla così LifestyleLa paura del fallimento può paralizzarci: impariamo a superarla così

Ricalibra le tue aspettative: spesso ci sforziamo di fare le cose alla perfezione. Tuttavia, inseguire la perfezione può essere una battaglia persa. Spesso è più utile avere aspettative realistiche ed essere disposti ad adattarle a seconda delle circostanze.

Pe questo motivo, accetta le deviazioni dal piano: solo perché qualcosa non è andato esattamente come lo avevi pianificato, non significa che non sia andato bene. Esiste più di un modo per fare qualcosa ed essere aperti ad altre opzioni e opinioni può aiutarti a goderti di più il processo e l'esperienza.

Se ritieni di lottare con qualcosa di difficile, può essere utile cercare il sostegno dei tuoi colleghi, amici o familiari. Potrebbero essere in grado di offrirti prospettive diverse, aiutarti a trovare soluzioni o semplicemente fornirti supporto morale mentre affronti qualcosa di difficile.

Se il percorso psicologicamente ti sembra arduo con le tue sole forze condividi le tue preoccupazioni con un professionista. Se hai difficoltà ad affrontarle, può essere utile parlare con un professionista della salute mentale. Possono aiutarti a esplorare le tue reazioni emotive, smontare schemi di pensiero negativi e sviluppare capacità di coping più solide.

Cosa non fare quando non raggiungi i tuoi obiettivi

Quando le cose non vanno come previsto, a volte affrontiamo la situazione in modo malsano. Invece di affrontare realisticamente le nostre aspettative, di capire in cosa abbiamo sbagliato, come possiamo rimediare, cerchiamo una via per non prenderci la responsabilità di quanto accaduto o per non accettare la fallibilità di un tentativo o di una aspettativa.

La prima abitudine da evitare è quella di incolpare gli altri per ciò che è andato storto: qualcuno ci ha distratto, non ci ha fornito sostegno o aiuto, ci ha messo i bastoni tra le ruote, non ha riconosciuto il nostro valore. Insomma, non è colpa nostra? Che lo sia o meno, il punto è mettersi in discussione e capire come e dove fare meglio, se possibile.

Evitare i tuoi sentimenti invece di accettarli è il vero errore: perché fingere di essere forti quando si sta male? Perché non accettare la sconfitta e concentrarsi sulla rabbia? Le lacrime possono essere salutari, e non c’è da vergognarsi per una sconfitta: ci sarà sempre (o quasi) una prossima volta.

Riproduzione riservata