Love & Sex

Kamasutra, posizione della gru: come si fa e a chi è adatta

posizione della gru
13-01-2022
Angelica Rossi
Il Kamasutra non smette mai di stupire: una posizione acrobatica e in grado di regalare emozioni intense è quella della gru, scopri qui tutti i segreti per praticarla

Fare l’amore non è mai stato così divertente: il Kamasutra è una vera e propria arte che non solo mostra posizioni sessuali originali ma anche quelle con cui provare maggiore piacere; tra le più amate c’è la posizione della gru.

Tra le modalità per fare sesso in piedi e da dietro si distingue la posizione gru, una modalità che fa leva sui muscoli e che necessita sicuramente di una buona prestanza fisica ma che è anche in grado di regalare momenti di piacere intensi grazie alla penetrazione profonda.

La posizione della gru  

Tra le posizioni Kamasutra più amate c’è quella della gru; il motivo per cui piace tanto è la combinazione di due grandi fantasie: il sesso in piedi e quello da dietro. Impegnativa per chi non è allenato, necessita sicuramente di abilità per mantenere l’equilibrio. La coppia si posiziona in questo modo: la donna di schiena con una gamba alzata e ripiegata verso il busto, lui posizionato posteriormente può aiutarla sostenendo la gamba da sotto. Mentre lui con un braccio la sostiene può anche abbracciarla, così da rendere il tutto più dolce e romantico.

Non si tratta di una delle posizioni più acrobatiche del Kamasutra ma sicuramente non è una delle più comode e tradizionali; quello che è interessante è la possibilità di variare le sensazioni rendendola non monotona semplicemente cambiando la postura delle gambe: divaricandole, o al contrario chiudendole, oppure addirittura piegandole entrambi, i partner potrebbero provare emozioni nuove ed intense.

Come molte delle posizioni in piedi anche questa ha bisogno di una buona coordinazione ma anche di regolarsi nelle altezze: puoi utilizzare i tacchi, oppure piccoli appoggi per fare in modo di rendere il tutto più agevole. Se vuoi esiste una facilitazione: potete provare a praticare questa posizione nelle vicinanze di un muro, in questo modo potrai alzare la gamba e appoggiarla sul tuo torace avendo però il sostegno della parete.

posizione della gru

I pro di questa posizione

Tra le migliori posizioni per stimolare il punto G spicca quella della gru che vuole una variante di una delle posizioni per fare sesso da dietro più classica. Come accennato, si tratta di un modo per riuscire a stimolare la parete vaginale in modo profondo, per questo motivo anche le donne che hanno difficoltà nel provare orgasmi durante la penetrazione riescono ad apprezzarla. Nonostante possa risultare scomoda da mantenere a lungo, questa posizione offre anche il benefit di limitare situazioni di eiaculazioni precoci poiché si è molto concentrati anche sul mantenere l’equilibrio.

Come una delle migliori posizioni per fare sesso in piedi, la gru non solo stimola il punto G ma a seconda dell’ampiezza con cui divarichi o pieghi le gambe puoi dare e ricevere sensazioni forti ed intense. Si tratta di un’ottima scelta per chi cerca una penetrazione profonda; questo effetto viene massimizzato nella versione facilitata in prossimità di una parete.

Controindicazioni

La posizione della gru non è sicuramente una delle più acrobatiche inserite tra quelle del Kamasutra ma non è comunque da sottovalutare. Già che si tratta di una posizione in piedi su una gamba sola per lei dovrebbe far comprendere quanto possa essere impegnativo mantenere l’equilibrio ma non è tutto. Per entrambi i partner risulta piuttosto faticosa fisicamente ed è quindi da preferire se si è sufficientemente allenati.

Avendo le mani occupate, lui difficilmente riuscirà a dedicarsi ad altre carezze sul corpo di lei ma anche le mani della donna sono impegnate perciò addio doppia stimolazione. Non è una posizione che può essere tenuta a lungo, risulta scomoda e può provocare crampi: grazie alla penetrazione profonda è però perfetta per chi ha poco tempo e va di fretta. La posizione può risultare scomoda per lei ma anche l’uomo avverte tensione muscolare poiché oltre alla penetrazione deve fare in modo di sostenere la propria partner.

Riproduzione riservata