Love & Sex

Che cos’è davvero la pansessualità?

Coppia felice che si ama
12-01-2022
Serena Fabbri
Cosa significa essere pansessuali e perché questo orientamento non va confuso con la bisessualità: i luoghi comuni e l'accettazione di sé

Non tuttə hanno ben chiaro cosa sia la pansessualità, e talvolta infatti è confusa con la bisessualità. Abbiamo imparato a conoscere questo termine negli ultimi anni, ma la chiarezza per alcunə è ben lontana dall’essere raggiunta. Quando star come Miley Cyrus e Cara Delevingne ne hanno parlato per la prima volta, facendo di fatto outing, si è iniziato a normalizzare la pansessualità. La differenza con la bisessualità può sembrare minima, ma c’è ed è importante conoscerla.

Per approfondirla, abbiamo pensato di iniziare proprio dal prefisso greco “pan”, che si traduce con “tutto”. In Italia, abbiamo iniziato a conoscere il termine pansessuale nel 1977, con l’attivista, scrittore e teorico degli studi di genere Mario Mieli, che iniziò a discutere dell’orientamento pansessuale.

Cosa significa essere pansessuale

Quando parliamo di bisessualità, sappiamo che ad attrarre potenzialmente è proprio il genere sessuale. La pansessualità ha invece un concetto più ampio di base: elastico. In poche parole, essere pansessuali significa innamorarsi di una persona al di là del suo genere sessuale: a conquistare è la personalità, il suo modo di porsi, di essere. Il desiderio pansessuale va oltre il genere, ma anche l’orientamento stesso, ed è molto importante saperlo.

Di base, comunque, ci si allontana molto dal binario di genere uomo-donna. L’amore in tal senso viene vissuto seguendo alcuni sentimenti e soprattutto le emozioni: si guarda oltre l’estetica, e più alla persona. È il motivo per cui non va confuso con la bisessualità, che è l’orientamento sessuale che invece determina un interesse specifico verso il genere.

I luoghi comuni sulla pansessualità

Lo stesso Istituto Superiore di Sanità ha definito la pansessualità come la tendenza di una persona a essere attratta dalle persone al di là del genere. Molto spesso, abbiamo sentito delle generalizzazioni sulla pansessualità: luoghi comuni, stereotipi e persino pregiudizi che andrebbero abbattuti e combattuti. In realtà, uno dei pregiudizi più diffusi sull’orientamento è lo stesso concetto che si applica alla bisessualità: i pansexual sono attratti da chiunque. Ma non è vero.

Non è il genere, l’identità sessuale o l’orientamento ad attrarre il pansexual, ma altri aspetti: non vuol dire che per ogni persona che incontra può provare automaticamente interesse. Questo mito andrebbe sfatato, così come un altro: spesso, chi è pansessuale viene “accusato” di condurre uno stile di vita libertino. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un errore di forma: non tuttə scelgono di avere delle relazioni poliamorose, tutt’altro. Moltə hanno delle relazioni sentimentali esclusive e monogame.

Pansessuale non vuol dire essere promiscuo

Come sempre, quando parliamo di orientamento sessuale, ci troviamo di fronte a una serie di pregiudizi e stereotipi particolarmente difficili da digerire. Ed è così che la pansessualità viene definita promiscua, come se fossimo dispostə a innamorarci di chiunque, solo per il “gusto di farlo”. Non solo è un luogo comune, ma è anche un giudizio pesante, un’offesa che può ferire e che, in effetti, ferisce moltissimo.

L’attrazione che si prova può essere di stampo romantico, o sentimentale. Sono proprio le emozioni che coinvolgono più di tutto. Si sceglie di seguire l’istinto, si sceglie una persona perché magari fa sentire a casa, perché si prova un amore totalizzante, perché ci si innamora della sua personalità. Oltre il genere, oltre il sesso.

Quanto è importante la consapevolezza di sé

C’è un motivo per cui l’orientamento sessuale è stato vittima di pregiudizi? Sì, non è largamente diffuso. Raggiungere una piena consapevolezza di sé, in un mondo che discrimina e che elargisce giudizi affrettati, non è semplice. Perché spesso in tantə decidono di tenere per sé l’orientamento, evitando di definirsi. C’è anche da dire che chi è pansessuale non supporta molto le etichette.

Proprio per la propensione ad andare oltre il genere, l’etichetta viene vista come un aspetto limitante. Sarebbero da mettere al bando anche quei classici test per capire se si è pansessuali: la grande verità è che dovremmo ascoltarci più spesso, per raggiungere una piena consapevolezza. Il nostro istinto difficilmente sbaglia, e per farlo prevalere sarebbe importante smettere di ascoltare i giudizi altrui.

Non c’è alcuna rivalità tra pansessuali e bisessuali

Un aspetto su cui si pone spesso l’accento è a una possibile “rivalità” tra chi è pansessuale e chi è bisessuale. Questi orientamenti sessuali non sono in alcun modo in conflitto, né agli antipodi. Oltretutto, sono stati a lungo confusi, o ritenuti simili. Il che per certi versi non è sbagliato, ma non è nemmeno giusto. La linea di differenza è sottile, ma c’è e va rispettata.

Imparare a conoscere e accettare gli orientamenti sessuali di tuttə è un primo passo in avanti per un mondo più inclusivo (a tal proposito potrebbe tornarti utile ascoltare i Ted Talk al femminile), che non punta il dito e che non giudica troppo in fretta. Prima o poi ci arriveremo, e per farlo è necessario porre delle basi di accettazione, andando a contrastare di fatto il “non sapere”, perché è proprio l’ignoranza che crea confusione e che genera un divario. Incolmabile? No, per fortuna, con la volontà possiamo tutto.

Riproduzione riservata