Love

Come riconoscere i comportamenti di un partner che non sa stringere un legame affettivo

legame affettivo
26-02-2024
Come si fa a capire se il nostro/a partner non ha un legame affettivo con noi? Ovviamente prestando attenzione ai segnali che ci manda (perché si, ci sono).

Segnali di chi non sa stringere un legame affettivo

A quante di noi è capitato di iniziare una relazione per poi capire, magari anche troppo tardi, che il nostro/a partner non era in grado di stringere un legame affettivo reale con noi? Capita, e molto più di frequente di quanto si possa pensare.

VEDI ANCHE

Avere un partner evitante non è una passeggiata: come riconoscerlo e gestirlo

Lifestyle

Avere un partner evitante non è una passeggiata: come riconoscerlo e gestirlo

Ma il sapere o non sapere stringere un legame affettivo con chi si ha davanti non è un qualcosa che si manifesta all'improvviso e che ci coglie di sorpresa, è piuttosto una mancanza che si preannuncia con tutta una serie di comportamenti tipici e di segnali che, se colti, ci mettono al riparo da delusioni e sofferenze inutili.

I segnali della mancanza di legame affettivo

Tra i segnali che maggiormente dovrebbero farci capire chi abbiamo di fronte e i suoi limiti nello stringere un legame affettivo, per esempio, l'indifferenza, l'evitamento e il distacco sono tra i più comuni e osservabili anche nelle azioni quotidiane. E dovrebbero far scattare dentro di noi un campanello d’allarme volto a proteggerci da relazioni tossiche o da rapporti a senso unico.

Certo, se questi comportamenti avvengono una tantum non c’è da preoccuparsi troppo, chiunque di noi a volte ha bisogno di staccarsi un po’ o di essere meno coinvolto per motivi personali da risolvere. Il problema nasce quando questo genere di atteggiamenti sono costanti e perdurano nel tempo, mandandoci chiari segnali che qualcosa non va.

E questo può accadere anche per motivi che nascono nel profondo della persona e che non hanno nulla a che vedere con voi. Motivo per cui è sempre bene imparare a comprendere le situazioni e parlarne con chi abbiamo davanti, capendo se e come proseguire con la relazione e, nel caso, come aiutare la persona amata.

Ma a cosa è bene prestare attenzione nella quotidianità del rapporto? Questi sono i comportamenti che dovrebbero farci riflettere.

Come capire che il partner non si è legato affettivamente a noi

Primissimo indizio sulla possibile mancanza di legame affettivo del partner nei nostri confronti, per esempio, è l’evitamento di situazioni di intimità, nel senso della condivisione di sentimenti e pensieri più intimi e profondi.

VEDI ANCHE

Allenare l’intelligenza emotiva può cambiarti la vita, ed ecco come

Lifestyle

Allenare l’intelligenza emotiva può cambiarti la vita, ed ecco come

Cosa che potrebbe, ma non sempre, aggiungersi anche a una mancanza di contatto e di affetto fisico ma questa non è per nulla una regola.

Altro atteggiamento classico a cui prestare attenzione è la mancanza di volontà ad impegnarsi.  Per esempio evitando di dare un nome alla vostra relazione o evitando di ufficializzarla, preferendo un rapporto più occasionale e precario a una relazione stabile.

Allo stesso modo, poi, chi è incapace di stabilire un legame affettivo tenderà anche a mettersi sulla difensiva, magari incolpando voi o terzi per i suoi problemi e vivendo in modo distaccato e diffidente la realtà. Comportamenti che derivano dalla sua mancanza di fiducia verso gli altri che si manifesta anche verso di voi.

Anche la mancanza di disponibilità è un marcatore importante dell’incapacità di stringere un legame affettivo. Chi non lo sa fare non è disponibile a dare aiuto ma preferisce rendersi introvabile, anche solo per scambiare due parole o per dare conforto.

Infine, ultimo segnale che la persona che avete davanti non è in grado di stringere un legame affettivo è l’incapacità a mettersi nei vostri panni, cercando di capire ciò che provate e le vostre emozioni, manifestando una scarsa comprensione ed empatia verso gli altri ma anche verso di voi. Cosa che per altro non riuscirà a fare nemmeno con se stesso, dimostrando una poca gestione e consapevolezza delle sue emozioni e delle cose che vive.

Riproduzione riservata