Love & Sex

Ceterosessuale: cosa significa e cosa vuol dire esserlo?

ceterosessuale
07-06-2022
Laura Sandroni
Cosa significa essere ceterosessuale e in che modo l'attrazione fisica e romantica verso persone non binarie, è un'altra delle tante manifestazioni di libertà e di valorizzazione dell'essere umano in ogni sua unica e personale sfaccettatura

Ormai è chiaro (o almeno così dovrebbe essere). Quando si parla di sessualità, attrazione, amore, sentimenti e tutto ciò che riguarda la sfera della propria intimità personale non dovrebbero esistete etichette, classificazioni o pregiudizi di alcun genere. Fatto sta che però, sempre al di là del fatto che ognuno è libero di vivere come meglio crede e sente, ci sono delle parole che vengono usate per definirci. O quanto meno comprendere meglio il proprio e l’altrui orientamento sessuale e identità di genere (e non solo). Per esempio come nel caso del termine ceterosessuale.

Una parola relativamente nuova e non proprio conosciuta da tutti. Ma che, soprattutto in un epoca in cui la lotta per l’accettazione, il riconoscimento e l’abbattimento delle discriminazioni e dei pregiudizi riguardanti l’identità di genere, le diverse sfaccettature dell’amore e dell’amare, la possibilità di vivere liberamente la propria sessualità, ecc., è dominante, risulta estremamente importante comprendere e fare propria. Per essere davvero parte di quel cambiamento di pensiero a cui tutti dovremmo tendere e abbracciare.

Cosa significa il termine ceterosessuale

Prima di addentrarci in modo più specifico nell’argomento, chiariamo subito cosa si intende con il termine ceterosessuale. Una parola di origine latina che sta a indicare l’attrazione sessuale e/o romantica verso persone non binary o non binarie.

Nell’evoluzione del termine, poi, si definisce ceteroromantico chi prova solo un’attrazione di tipo romantico verso una persona non binary, ma senza che si abbia un’implicazione fisica o sessuale.

VEDI ANCHE

Che cosa significa essere cupiosessuale?

Lifestyle

Che cosa significa essere cupiosessuale?

Di fatto, quindi, si tratta di una variante di un altro termine usato ma non universalmente accettato per “definire” questa tipologia o sfaccettatura dell’attrazione tra due persone, ovvero skoliosessuale e skolioromantico. Due parole di origine greca, in cui il prefisso “skolio” significa "storto" o "curvo". Apparse per la prima volta in internet nel 2010 e che riportano alla definizione sul sito Dictionary.com di "un'attrazione per chiunque si identifichi come un genere non binario". E in cui il termine binario va a indicare la tradizionale distinzione fatta tra maschi e femmine.

Una parola, che, proprio per la sua origine che riporta a una connotazione quasi negativa, non è accettata interamente dalla comunità LGBTQ. E per la quale, quindi, sono nate delle varianti tra cui allotroposessuale, dal greco allotropo, diverso e modi di vita, e appunto ceterosessuale.

Binario e non binario

Compreso questo, quindi, è bene capire anche cosa si intende con il termine non binary o non binario. Ccioè le persone da cui è attratto chi è ceterosessuale.

Se come detto si definisce binaria la tradizionale (e a questo punto obsoleta) divisione di genere in maschi e femmine, quando si parla di non binario si intende la non appartenenza a nessuno di questi due generi assegnati alla nascita.

O meglio, si definisce non binaria una persona che non riconosce l’esistenza di unicamente due generi. E che, seppur gli/le sia stato attribuito un sesso specifico alla nascita (e questo viene fatto in base alla presenza degli organi sessuali maschili o femminili), non riconosce di appartenere né al genere maschile né a quello femminile. Ma a quello, appunto, non binario.

Un termine che, quindi, abbraccia e accomuna tutte quelle persone la cui percezione di sé e identità di genere, non rientra nel binarismo definito e tradizionalmente (e culturalmente) accettato di uomo e donna.

VEDI ANCHE

Che cosa significa cishet?

Lifestyle

Che cosa significa cishet?

Quando si parla di cosa significa essere ceterosessuale, quindi, è importante conoscere anche questa fondamentale distinzione tra l’essere binario e non binario. E le mille sfaccettature e sfumature che si aprono in relazione a questo. Nello specifico, infatti, chi si definisce non binario si può identificare con entrambi i generi, bigender, in nessuno dei due o genderfree, nel genere opposto a quello che gli/le è stato assegnato alla nascita, transgender, o anche in un genere fluido, genderfluid, ecc. E in tutto ciò che rappresenta un’identità non esclusivamente divisibile in maschile e femminile.

Apparenza e interiorità

E questo, ovviamente, non ha nulla a che vedere con l’apparenza (o comunque non necessariamente).  L’identità di genere, infatti, è un qualcosa di profondo, che arriva da dentro. A prescindere da come ci si presenta o da come ci si veste.

Motivo per cui, in una società che dovrebbe puntare al rispetto personale di ogni individuo, sarebbe bene imparare a non catalogare o indicare le persone unicamente per come appaiono. Dando per scontato, tra le tante, il genere a cui sentono di appartenere. Ma sarebbe bene andare oltre, evitando epiteti o pronomi specifici che se per qualcuna/o non creano nessun disagio o differenza, per altri possono essere fonte di dolore e di sofferenza interiore.

In linea generale, quindi, essere una persona ceterosessuale, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, significa provare un’attrazione fisica, estetica, romantica e sessuale per una persona non binaria. O in altri termini, essere liberi da ogni preconcetto, classificazione, etichetta o simili. Che possono essere dati per definire chi siamo, spostando la propria attenzione unicamente sulla bellezza esteriore e interiore di ognuno di noi. A prescindere dal suo essere o non essere.

Riproduzione riservata