Entertainment

Spencer: Come Kristen Stewart è diventata Lady D

LADY D ABITO NERO
Lady D, al centro del film Spencer con Kristen Stewart, è a oggi un’icona della moda grazie ai suoi abiti e alle sue acconciature. Ma quale lavoro hanno dovuto fare sul set del film per rendere Kristen Stewart perfetta in ogni suo aspetto? Com’è stato curato il look? Da dove nasce l’ispirazione?

Spencer, il film che racconta uno dei periodi più bui di Lady D, arriverà presto in sala grazie a 01 Distribution. Potremmo vedere anche in Italia come Kristen Stewart si è calata nei panni della sfortunata principessa di Galles. La sua prova attoriale è già in odore di Oscar ma non sarebbe stata tale senza l’apporto giocato sul set dalla costumista Jacqueline Durran e dall’esperta di acconciature Wakana Yoshihara. Ma come si sono regolate le due per la creazione dei costumi? Quali immagini hanno scelto? Come hanno trasformato Kristen Stewart in Lady D?

Spencer, i colori di Lady D

La principessa Diana era considerata da tutti un’icona della moda. Ritrarla sullo schermo in Spencer, il film di Pablo Larrain con Kristen Stewart, ha rappresentato una sfida per la pluripremiata costumista Jacqueline Durran. “I vestiti di Lady D erano molto importanti e scorrono paralleli alla sua storia ma non ne spiegano la storia”, ha raccontato Durran. “È straordinario vedere come la principessa abbia ancora oggi un nutrito numero di estimatori che, a distanza di 25 anni dalla sua morte, è aumentato quasi a dismisura, senza sosta alcuna”.

Durran ha dunque dovuto affrontare un primo grande ostacolo per creare il look giusto per la protagonista Kristen Stewart. Sebbene possa sembrare paradossale, le migliaia e migliaia di foto esistenti di Lady D le hanno infatti complicato il lavoro. “Non ho mai conosciuto nessuno altro fotografato tanto quanto Diana. Avrei potuto continuare a ricercare foto all’infinito e non trovare mai quelle giuste a cui far riferimento”, ha evidenziato.

lady d giacca a quadri
Kristen Stewart in Spencer.

più splendente di tutto ciò è intorno

Al primo incontro con Pablo Larrain, il regista di Spencer, il film su Lady D con Kristen Stewart protagonista, Durran ha portato con sé una serie di immagini che riflettessero la moda di Lady D nel corso degli anni. “Il filo conduttore delle fotografie che avevo scelto era l’arcobaleno. Diana era solita vestirsi con abiti di tutti i colori. Erano pochissimi quelli che evitava e spesso indossava colori molto accesi”, ha continuato la costumista. “Si dice che le donne della famiglia reale si sentano quasi obbligate a farsi notare in pubblico. Indossare colori vivaci poteva rispondere a tale esigenza. Se era il suo scopo, lo ha raggiunto in pieno, elevando la moda a un altro livello”.

Dal allora, il colore è diventato un aspetto vitale del design dei costumi. “Diana è sempre stata più splendente di tutto ciò che la circondava. Se le pareti fossero state rosso scuro, lei si sarebbe presentata lei per i suoi vestiti ricorreva al rosso acceso. Se i reali avessero indossato il verde, lei sarebbe ricorsa a un verde foresta. Era sempre un passo avanti e ciò la contraddistingueva”.

Convinta di ciò, Durran ha collaborato con lo scenografo Guy Hendrix Dyas per assicurarsi che l’idea venisse rispecchiata anche nelle scenografie del film. “Quando ci siamo avvicinati al progetto Spencer, tutti quanti abbiamo capito che Diana sarebbe stata sempre in primo piano e che gli altri personaggi le avrebbero fatto da contorno. Con Guy, abbiamo parlato dei colori delle stanze e di come determinati costumi avrebbero funzionato solo se avessimo avuto un certo sfondo”, ha ricordato Durran.

lady d figli
Kristen Stewart in Spencer.

Il rosso di Lady D

Un’immagine di Lady D si è particolarmente impressa nella mente della costumista. Si tratta di uno scatto che immortala Diana mentre lasciava i figli a scuola. Indossava un dolcevita rosso e una gonna a quadri bianchi e neri. Quel look è diventato il punto di partenza per la costruzione dei vestiti di tutto il film. Rappresentava la quintessenza di una donna moderna e apriva la strada per la costumista all’uso del rosso, colore ricorrente in Spencer, il film di Pablo Larrain su Lady D con Kristen Stewart protagonista. Simbolico di tutto ciò è il cappotto rosso che Diana, nel lungometraggio, indossa in chiesa il giorno di Natale.

Un particolare capo di abbigliamento ha richiesto molto lavoro: la giacca del padre di Lady D. Doveva apparire come se fosse stata indosso a uno spaventapasseri negli ultimi 20 anni. È stato Hendrix Dyas ad avere l’idea che fosse una giacca Barbour. Al posto del tradizionale verde, è stato però usato il rosso. Tale scelta ha permesso di riconoscere il capo nel film quando Diana lo indossa durante una cruciale scena di caccia in cui il resto della famiglia è vestito di verde.

cappotto rosso
Kristen Stewart e Pablo Larrain sul set di Spencer.

Spencer, l’abito couture Chanel

“Creare dei costumi per Spencer, il film su Lady D con Kristen Stewart protagonista, è stato incredibile”, ha annotato il regista Pablo Larrain. “Ero molto nervoso. Diana era un’icona di stile. Tutto ciò che indossava appartiene oggi alla storia della moda”.

La più entusiasta di tutti è però l’attrice Kristen Stewart, colei che i panni di Lady D li ha indossati: “Ho adorato l’abito couture di Chanel. Per me, quella è l’immagine più significativa dell’intero film. Per la cena di Natale, probabilmente Diana non indossò nemmeno un abito da ballo ma per il film aveva vitale importanza mostrarla come, nonostante un vestito magnifico, fosse così distrutta emotivamente da cominciare a urlare e correre per il palazzo. Ho adorato quel vestito e amo ancora di più come l’abbiamo lentamente distrutto camminando per Park House tra i topi e la polvere. Con quell’abito addosso, Diana vive il suo momento più catartico e liberatorio”.

abito couture Dior
Kristen Stewart con l'abito couture di Dior in Spencer.

I capelli di Lady D

A lavorare alle acconciature di Spencer, il film di Larrain su Lady D con Kristen Stewart protagonista, è stata l’hair & makeup designer Wakana Yoshihara. Per lei, si trattava della seconda volta che lavorava a un film sulla principessa Diana. Aveva infatti precedentemente lavorato a Diana - La vera storia di Lady D con Naomi Watts.

Cominciando a lavorare al film, Yoshihara per i capelli si è concentrata in un primo momento su una pettinatura che Lady D aveva nel 1994 prendendo come spunto una foto in cui era in compagnia dell’undicenne figlio William. Tuttavia, il taglio non convinceva né lei né il regista.

È stata una foto scattata a Lady D in Arabia Saudita nel 1986 a far scattare la molla giusta. “In quel periodo, Diana aveva un taglio di capelli piuttosto da ragazzo. Io volevo invece qualcosa che la facesse apparire più femminile e fragile. Non volevo far sembrare Kristen la principessa ma volevo trovare la principessa dentro di lei. Quindi, ho optato per qualcosa che si adattasse al suo viso e alla sua versione del personaggio”.

Per Kristen Stewart i capelli erano particolarmente importanti. È consapevole di quanto una performance possa essere influenzata da una brutta parrucca. “Ho avuto delle esperienze terribili con le parrucche. Mi hanno sempre fatta sentire in qualche modo nascosta”, ha spiegato l’attrice. “Wakana è così talentuosa che la sua parrucca era perfetta, anche quando non indossata o bagnata. Era importante che fosse così perché l’acconciatura di Diana è diventata un simbolo”.

lady d parco figli
Kristen Stewart in Spencer.
Riproduzione riservata