Entertainment

Su Netflix un film con Kristen Stewart ricostruisce la drammatica storia dell’attrice Jean Seberg

seberg nel mirino film netflix
Arriva su Netflix il film Seberg nel mirino, in cui si ripercorre la drammatica odissea dell’attrice Jean Seberg, la cui vita e carriera sono state distrutte dall’Fbi solo perché si era impegnata attivamente in difesa dei diritti civili.

Netflix rende disponibile dal 12 settembre il film Seberg nel mirino, interpretato da Kristen Stewart, Jack O’Connell e Margaret Qualley. Ispirato a una storia vera, ci porta nella Los Angeles degli anni Sessanta quando l’attrice Jean Seberg diviene l’oggetto di un’indagine dell’Fbi per il suo sostegno al partito delle Pantere Nere.

La trama del film

Jean Seberg, attrice destinata alla fama ma schiacciata dalla sua stessa notorietà come raccontato nel film Netflix Seberg nel mirino, ha fatto il suo debutto sullo schermo a 18 anni interpretando Giovanna d’Arco. A 21 anni ha raggiunto la fama nel capolavoro di Jean-Luc Godard, Fino all’ultimo respiro, titolo considerato il caposaldo della Nouvelle Vague. Ma, nonostante ciò, Jean Seberg non è mai diventata una celebrità anche per via di un’irrequietezza che negli anni Sessanta l’ha spinta ad atteggiamenti sempre più radicali fino al punto di destare l’interesse dell’Fbi.

Tutto ciò è ben raccontato nel film Netflix Seberg nel mirino. La storia comincia nel maggio del 1968 quando, dopo anni vissuti a Parigi con il secondo marito Romain Gary, Jean (Kristen Stewart) torna a Hollywood per vincere la solitudine e dedicarsi al lavoro. Tuttavia, si ritrova giorno dopo giorno sempre più coinvolta con l’attività delle Pantere Nere ma il suo sostegno ai diritti civili desta preoccupazione tra le fila dei Federali, che cominciano a monitorare ogni sua mossa a partire dalla relazione con l’attivista (già sposato) Hakim Jamal (Anthony Mackie).

In particolar modo, del “dossier Jean”si occupa l’agente Jack Solomon (Jack O’Connell). Sebbene sia sposato con Linette (Margaret Qualley), più Jack si immerge nella vita dell’attrice più entra in empatia con la donna la cui privacy deve essere distrutta e violata. Ma, sensibile e combattiva, Jean non perderà mai la fiducia nella giusta causa, nonostante le avversità, le misure di sorveglianza e i metodi che l’Fbi usa per mettere sotto pressione gli oppositori dello status quo politico.

Il poster del film Seberg nel mirino.
Il poster del film Seberg nel mirino.

Una donna impegnata

Scritto da Anna Waterhouse e Joe Shrapnel e diretto da Benedict Andrews, il film Netflix Seberg nel mirino descrive con attenzione e cura il turbolento scontro tra glamour e politica, evocando un’atmosfera di paranoia coronato da una delle migliori interpretazioni di Kristen Stewart.

“Sono venuto a conoscenza della storia di Jean Seberg quando un mio insegnante alle superiori ci ha fatto vedere il film di Godard”, ha ricordato Benedict Andrews. “Ne sono rimasto affascinato e ho approfondito la sua storia. Ho poi appreso di più sulle circostanze straordinarie che hanno segnato la sua breve vita e su come sia diventata una pedina impotente nella guerra segreta dell’Fbi contro il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti. Come la Giovanna d’Arco che aveva interpretato per Otto Preminger nel suo primo film, anche Jean Seberg è stata mandata al rogo. Cinquant’anni dopo, la sua storia riflette una realtà molto attuale sottolineando quanto forte sia ancora il razzismo negli States e quanto difficile sia separare verità da fake news”.

“Naturalmente avevo visto Fino all'ultimo respiro. Quando ho saputo che avrei interpretato Jean Seberg nel lavoro di Benedict, ho guardato anche gli altri suoi film”, ha commentato Kristen Stewart. “Mi piacciono molto le sue interpretazioni. In quel periodo gli attori recitavano in modo molto diverso. Era tutto più formale, più chiaro, recitavano in modo più artistico. Jean era diversa dalle altre attrici: aveva un'energia pazzesca con cui riempiva lo schermo”.

“Nel nostro film raccontiamo un capitolo della sua vita che non è mai stato raccontato in questo modo”, ha proseguito l’attrice. “Ho avuto l'impressione che dovessi proteggerla perché sembrava così accessibile. Ha passato molte difficoltà, che cerchiamo di mostrare nel miglior modo possibile”.

“Jean ed io condividiamo il fatto che non cerchiamo eccessivamente di controllare cosa il pubblico pensa di noi. Se qualcuno ha un'opinione su di me, non posso cambiarla. Ciò che conta è potersi guardare allo specchio alla fine della giornata. Posso essere solo me stessa e sono orgogliosa di esserlo. Ciò che è frustrante è quando si ha l'impressione di essere derubati. Quando si usa una piattaforma per diffamarti, è scioccante. I social media ci permettono oggi di gestire molto meglio la nostra immagine pubblica, perché possiamo comunicare direttamente con le persone. Jean non aveva questa opportunità. Dipendeva da come la stampa scriveva di lei”.

Seberg nel mirino: Le foto del film

1/33
2/33
3/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
4/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
5/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
6/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
7/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
8/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
9/33
Stephen Root and Kristen Stewart star in SEBERG Photo: Logan White/Amazon Studios
10/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
11/33
Kristen Stewart stars in SEBERG
12/33
SEBERG
13/33
SEBERG
14/33
SEBERG
15/33
SEBERG
16/33
Kristen Stewart stars in SEBERG
17/33
SEBERG
18/33
SEBERG
19/33
SEBERG
20/33
SEBERG
21/33
SEBERG Logan White/Amazon Studios
22/33
SEBERG
23/33
SEBERG
24/33
SEBERG
25/33
SEBERG
26/33
SEBERG
27/33
28/33
29/33
30/33
31/33
32/33
33/33
PREV
NEXT
Riproduzione riservata