Entertainment

Uno spettacolare film su Netflix ricostruisce la storica intervista al principe Andrea

scoop film netflix
Arriva su Netflix il film Scoop, un dramma che, con un cast d’eccezione, ripercorre come siano state tre donne a concretizzare la famosa intervista per la BBC al principe Andrea che ha mandato definitivamente in crisi la corona inglese.

Netflix propone dal 5 aprile il film Scoop. Diretto da Philip Martin e sceneggiato da Peter Moffat, il film Netflix Scoop si ispira a eventi reali per raccontare una pagina di giornalismo tenace che ha portato a un’intervista sconvolgente, ovvero alla famigerata chiacchierata con il principe Andrew d’Inghilterra su BBC Newsnight. Dalla tensione delle complesse trattative della produttrice Sam McAlister con Buckingham Palace, fino alle sconvolgenti prove della scientifica con cui Emily Maitlis sfida il principe, Scoop ci porta nel vivo della storia con le donne che non si sono fermate di fronte a nulla. Per ottenere un'intervista così importante, bisogna osare.

Ricchissimo il cast: Rufus Sewell, Keeley Hawes, Billie Piper, Gillian Anderson e Romola Garai.

Una storica intervista

"Un'ora di televisione può cambiare ogni cosa", dice Billie Piper nel trailer del film Netflix Scoop, basato sugli eventi reali che hanno portato all'esplosiva intervista del 2019 di Prince Andrew per BBC Newsnight. Gli occhi della Gran Bretagna erano puntati sulla giornalista Emily Maitlis (interpretata da Gillian Anderson) mentre interrogava il reale inglese (Rufus Sewell) sulla sua relazione con Jeffrey Epstein. Le conseguenze furono immediate, poiché il Principe Andrea annunciò che si allontanava dai suoi doveri pubblici nei giorni successivi alla trasmissione.

Ma come ha fatto il figlio della Regina d'Inghilterra a ritrovarsi in una situazione così difficile? In Scoop, diretto dal vincitore di Emmy e BAFTA Philip Martin, Piper interpreta Sam McAlister, l'organizzatrice di interviste per il prestigioso programma di attualità che è riuscita a ottenere ciò che si pensava fosse irraggiungibile. Basato sul racconto personale di McAlister e adattato da Peter Moffat e Geoff Bussetil, Scoop evidenzia il ruolo delle donne che hanno lavorato instancabilmente dietro le quinte per portare alla luce una delle più grandi storie di notizie del decennio. Nel dramma, McAlister, Maitlis e l'editrice Esme Wren (Romola Garai) seguono la storia dall'inizio alla fine, navigando tra i veti del palazzo reale, negoziati tesi con la segretaria privata del Principe Andrea Amanda Thirsk (Keeley Hawes), e ore di ricerca e prove che precedono l'intervista stessa.

"L'intervista è significativa, ma è il 5% della storia", ha raccontato la vera McAlister. "Quello che facciamo è portarvi nel viaggio su come tutto è iniziato".

Il primo poster del film Netflix Scoop.
Il primo poster del film Netflix Scoop.

Un evento senza precedenti

Il film Netflix Scoop ci svela quali meccanismi si celano dietro alle notizie di grande rilievo, mentre due istituzioni britanniche - Buckingham Palace e la BBC - si scontrano su come gestire una pagina di storia che minerà per sempre gli equilibri reali. "Voglio portare il pubblico all’interno delle stanze dei bottoni per mostrargli gli eventi che hanno portato all'intervista con il Principe Andrea sullo sfondo di un mondo di speculazioni e ricordi variabili", ha spiegato il regista Philip Martin. "È un film sul potere, sul privilegio e sulle prospettive diverse e su come - sia nei palazzi sfarzosi che nelle redazioni high-tech - giudichiamo ciò che è vero".

Per Piper, il film è stata un'opportunità per approfondire una storia che da tempo la affascinava a livello personale. "Era qualcosa che mi aveva colpito profondamente", ha ricordato l’attrice. "Quando guardi quell'intervista, pensi, 'Come è finita in onda? Come è stata approvata? Chi ne faceva parte?' Non so se vedrò mai più qualcosa del genere. Nella mia vita, non ho mai visto un'intervista come quella. E ci sono una serie di donne incredibili dietro a quel momento, e raccontare la loro storia è un regalo per un’attrice".

Il secondo poster del film Netflix Scoop.
Il secondo poster del film Netflix Scoop.

Una giornalista che non demorde

Sam McAlister è la nostra guida nel mondo della BBC, con le sue scarpe a stiletto in pelle di serpente e la sua tenacia che la contrassegnano un po' come un'outsider. "Era un’anticonformista in un'organizzazione che ha modi abbastanza rigidi", ha sottolineato McAlister. Madre single di estrazione operaia, McAlister si sente come se avesse qualcosa da dimostrare in un momento in cui l'industria del giornalismo è in crisi. Con la BBC che affronta una concorrenza sempre maggiore, l'esistenza stessa di Newsnight è messa in dubbio e la pressione per rafforzare gli ascolti con intervistati che attirano il pubblico è al massimo.

Piper ha colto tutti i possibili dettagli mentre creava la sua performance, imparando il linguaggio del corpo di McAlister, le intonazioni vocali e persino il suo distintivo modo di camminare. "Non ti aspetti mai qualcuno con quel calore vitale e fermezza combinati”.

"Billie ha davvero catturato quel mix tra serietà e il lato più leggero del mio carattere", ha rivelato la vera McAlister. "Vederla letteralmente trasformarsi, cambiare la sua voce, indossare la parrucca, le mie unghie, il trucco, la lista di capi neri: è esattamente uguale a me!”

A differenza del film, nella realtà, McAlister ha impiegato 13 mesi a costruire una relazione con Thirsk, trasformando i no in forse, e i forse in quel sì finale. "Immagina di andare a cento primi appuntamenti e ottenere solo un secondo appuntamento", ha scherzato la giornalista. “È questo effettivamente il mio lavoro!".

Ricreare l'intervista è stata un'esperienza surreale per McAlister, che era presente sia per l'intervista reale che per la rievocazione del film Netflix Scoop. "Era come essere lì di nuovo", ha sottolineato commentando la "brillantezza" delle interpretazioni di Anderson e Sewell nei panni di Maitlis e del Principe Andrea.

Scoop: Le foto del film

1/24
2/24
3/24
4/24
5/24
6/24
7/24
8/24
SCOOP
9/24
SCOOP
10/24
SCOOP
11/24
SCOOP
12/24
SCOOP
13/24
SCOOP
14/24
SCOOP
15/24
SCOOP
16/24
SCOOP
17/24
SCOOP
18/24
SCOOP
19/24
SCOOP
20/24
SCOOP
21/24
SCOOP
22/24
SCOOP
23/24
SCOOP
24/24
PREV
NEXT

Tre donne

Billie Piper ha raccontato anche che si è commossa vedendo sul set del film Netflix Scoop Gillian Anderson calarsi nei panni della rispettata giornalista Maitlis. "È stata per lei una responsabilità incredibile interpretare qualcuno che fa ormai parte dell’immaginario collettivo britannico. Conosciamo Emily Maitlis. L'abbiamo vista condurre interviste molto incisive. È una grande figura nel nostro paese, e ha una forte presenza pubblica. Ma Gillian l'ha assolutamente resa indimenticabile”.

Seguendo una reporter e i suoi colleghi nell'inseguimento di una grande storia, il film Scoop si inserisce in una lunga tradizione di film sui giornalisti che tengono in scacco potenti istituzioni. Ma film come Tutti gli uomini del presidente, Spotlight e The Post, solo per citarne alcuni, si concentrano prevalentemente sugli uomini come portatori di verità. Ma, come riassume elegantemente la Maitlis di Anderson questa volta sono tre donne a fare la Storia. “Non avresti visto questo in uno studio della BBC quando ho iniziato".

Ciò che distingue Scoop è il suo focus sulle donne dietro le notizie. "È un'opportunità davvero rara di vedere donne nei loro 40 e 50 anni rappresentate in un contesto professionale, che svolgono il loro lavoro al meglio delle loro capacità con un risultato straordinario", ha dichiarato McAlister. "Questo rende il tutto più importante e significativo”.

Riproduzione riservata