Entertainment

La signora Harris va a Parigi: In un film la passione di un’umile vedova per gli abiti Dior

Da un romanzo di Paul Gallico, il film La Signora Harris va a Parigi ha al centro una protagonista, vedova e umile, che sul finire degli anni Cinquanta è disposta a tutto per acquistare un abito di alta moda. Finirà con il cambiare il destino della stessa maison Dior.

La Signora Harris va a Parigi è il titolo del film che il regista e sceneggiatore Anthony Fabian ha tratto dall’omonimo romanzo di Paul Gallico, pubblicato nel 1958.  Dal romanzo, Fabian è riuscito a trarre una favola sull’importanza di perseguire i propri sogni, sul potere dell’amicizia e sulla forza del rimanere sempre fedeli a se stessi.

Nelle sale italiane dall’08 settembre per Universal Pictures, il film La Signora Harris va a Parigi è la storia magica di una semplice casalinga inglese che desidera più di ogni altra cosa indossare un abito d’alta moda della maison Dior. Quello che all’apparenza è un sogno impossibile la condurrà a vivere un’avventura straordinaria a Parigi, la capitale della moda.

Cosa racconta il film

Il film La Signora Harris va a Parigi comincia nella Londra del secondo dopoguerra. Qui, Ada Harris (Lesley Manville) si guadagna da vivere pulendo case. Conduce una vita solitaria da quando l’amato marito Eddie è morto in guerra ma non è il tipo di donna che rimugina su qualsiasi disgrazia o che si lamenta di ciò che le è toccato in sorte. Eppure, quando la pragmatica Ada vede un abito Christian Dior appeso nella camera da letto di una sua facoltosa cliente, una fitta di desiderio la travolge come mai prima. In lei nasce improvvisamente il desiderio di possedere qualcosa di così etereo e bello come quell’abito, una vera opera d’arte in grado di poterle cambiare la vita.

Dopo aver svolto lavori extra e aver risparmiato il più possibile (nonché tentato la sorte), Ada può finalmente permettersi di comprare l’abito Dior da 500 dollari (pari a circa 10 mila dollari di oggi). Saluta allora gli amici Vi (Ellen Thomas) e Archie (Jason Isaacs) e parte alla volta di Parigi con destinazione la Maison Dior. Nella capitale francese, però, non tutto fila liscio e Ada inciampa in una serie di ostacoli e battute d’arresto, a cominciare dalla terribile Madame Colbert (Isabelle Huppert), irritata dall’idea che una comune ciarlatana indossi abiti d’haute couture.

Ma Ada non demorde: in un modo o nell’altro, non lascerà Parigi senza il suo abito. La sua caparbietà finisce così per affascinare il contabile di Dior André (Lucas Bravo), la gentile modella Natasha (Alba Baptista) e l’aristocratico Marchese di Chassagne (Lambert Wilson), lo scapolo più ambito della città. Ada finirà allora per scoprire che, cambiando la sua vita, inizierà a cambiare anche quella di tutti coloro che la circondano, finendo per salvare la stessa maison.

La locandina originale di La Signora Harris va a Parigi.
La locandina originale di La Signora Harris va a Parigi.

Dal libro allo schermo

Il film La Signora Harris va a Parigi è l’adattamento dell’omonimo romanzo dello scrittore Paul Gallico. Vera e propria favola, il libro è il primo di una tetralogia particolarmente amata da innumerevoli lettori nei corsi dei decenni. Ha anche avuto una trasposizione televisiva nel 1992 con Angela Lansbury, la leggendaria Signora in giallo, nei panni della protagonista.

La tetralogia della Signora Harris è sempre stata nel cuore di Anthony Fabian, autore le cui opere si sono sempre basate su drammi familiari tratti da storie vere. Così, quando gli è stato proposto di realizzare il film, Fabian non ha avuto remore. Del resto, da ragazzo ha vissuto a Parigi prima di frequentare il college in Inghilterra, quindi conosceva bene entrambe le culture al centro del romanzo.

Durante le fasi di stesura della sceneggiatura, Fabian ha voluto che fosse chiaro il motivo per cui la signora Harris manifesta una tale ossessione per un abito d’alta moda. “Il romanzo di Gallico non approfondisce le motivazioni per cui la protagonista vuole proprio quel vestito di Dior”, ha spiegato il regista. “Le motivazioni non avrebbero dovuto essere frivole e superficiali ma qualcosa di più profondo. Ecco perché ho voluto che l’abito rappresentasse qualcosa per cui la signora Harris torna ad amare: è ciò che le scalda il cuore ibernato dalla morte del marito. In qualche modo, il vestito l’aiuta a riaprire il suo cuore permettendole di amare di nuovo”.

Lesley Manville e Lucas Bravo in La Signora Harris va a Parigi.
Lesley Manville e Lucas Bravo in La Signora Harris va a Parigi.

La collaborazione di Dior

Data l’importanza che la storica maison ha nel film, Fabian ha ovviamente cercato la collaborazione di Dior. La casa di moda non ha esitato ad accettare la sua proposta, anche perché La Signora Harris va a Parigi è il primo film che racconta il periodo d’oro vissuto dalla casa d’alta moda a metà Novecento.

“Il film parla di Dior. Il marchio è presente in ogni scena e fa parte del film stesso”, ha sottolineato il produttore Guillaume Benski. “Anche se non vediamo Christian Dior, parla della maison e di tutto ciò che il marchio ancora oggi rappresenta. Abbiamo allora contattato Olivier Bialobos, il responsabile della comunicazione a livello mondiale della maison. Ci ha risposto che per loro il progetto aveva un senso e rispondeva agli stessi valori in cui Dior crede da sempre”.

Per ottenere maggiore accuratezza, inoltre, i realizzatori del film La Signora Harris va a Parigi hanno visitato la mostra Christian Dior: Designer of Dreams, tenuta dal 2 febbraio al 2 settembre 2019 al Victoria and Albert Museum di Londra e tesa a sottolineare i legami dello stilista con il Regno Unito. La mostra ospitava più di 500 oggetti: 200 rari capi d’alta moda, fotografie, illustrazioni, profumi, accessori e… il romanzo di Gallico in una delle sue teche.

La signora Harris va a Parigi: Le foto del film

MRSHARRIS_LD_08DEC_113_R Lesley Manville stars as Mrs. Harris in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Liam Daniel / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
1/18
MHGTP_TP_02201_R Lesley Manville stars as Mrs. Harris in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Courtesy of Focus Features / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
2/18
MHP_02589_R Ellen Thomas stars as Vi and Jason Isaacs as Archie in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
3/18
MHP_04085_RC Lucas Bravo stars as André Fauvel in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
4/18
MHP_04854_R Isabelle Huppert stars as Claudine Colbert in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
5/18
MHP_05461_R Alba Baptista stars as Natasha in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
6/18
MHP_05710_RC Lambert Wilson stars as Marquis de Chassange and Lesley Manville as Mrs. Harris in director Tony Fabian’s MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
7/18
MHP_07962_R Costume designer Jenny Beavan and director Tony Fabian on the set of MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
8/18
MHP_00219 Actor Lucas Bravo, director Tony Fabian and actor Lesley Manville on the set of MRS.HARRIS GOES TO PARIS, a Focus Features release. Credit: Dávid Lukács / © 2021 Ada Films Ltd - Harris Squared Kft
9/18
10/18
11/18
12/18
13/18
14/18
15/18
16/18
17/18
18/18
PREV
NEXT

La Signora Harris

Ada Harris, il personaggio principale di La Signora Harris va a Parigi, non è una donna qualunque. Sempre gentile, ammirevolmente resiliente ed estremamente affidabile, è sicura di sé e si sforza sempre di vedere il meglio nelle persone… o almeno cerca di guardare oltre i loro difetti più evidenti.

“La signora Harris è un personaggio molto autentico e ciò che la rende affascinante agli occhi di chi la circonda è che è genuinamente se stessa”, ha spiegato il regista Anthony Fabian. “Non indossa alcuna maschera e smaschera tutti gli altri che ne portano una: li aiuta a far cadere le sovrastrutture e a mostrare il proprio io”.

La signora Harris ha il volto di Lesley Manville, attrice candidata all’Oscar e nel cast di un altro film che, in maniera diversa, parlava di moda, Il filo nascosto. “Sono nota per aver recitato spesso ruoli piuttosto complicati sia al teatro sia al cinema”, ha scherzato l’attrice. “Era arrivata l’ora di interpretare un personaggio sempre credibile ma con toni meno ombrosi. Ada ha un vero spirito combattivo ma allo stesso tempo è altruista, generosa e calorosa. Le donne della sua età, ai suoi tempi, seguivano tutte la stessa traiettoria ma Ada si rifiuta di perdere la gioia e l’humor che la caratterizzano. È onesta e leale. È molto giocosa ed è aperta a tutte le opportunità che il caso le porta… anche all’amore”.

Lesley Manville in La Signora Harris va a Parigi.
Lesley Manville in La Signora Harris va a Parigi.
Riproduzione riservata