Entertainment

Close to You: Un film con Elliot Page mostra com’è tornare a casa dopo la transizione di genere

close to you film
Elliot Page è il protagonista del film Close to You, un dramma che racconta quali difficoltà si incontrano nel ritornare a casa dopo aver affrontato il percorso di transizione di genere. Prossimamente anche in Italia.

Close to You è il nuovo film del regista Dominic Savage con protagonista l’attore Elliot Page. Racconta la storia di Sam, un ragazzo che incontra casualmente una vecchia amica quando rientra a casa per una temuta riunione di famiglia che lo costringe a confrontarsi con ricordi sepolti da tempo. Ciò che rende il ritorno a casa problematico è il fatto che Sam è un ragazzo transgender, un aspetto che rende la storia del film Close to You molto familiare per Elliot Page.

close to you film
Elliot Page nel film Close to You.

Essere se stessi

Nel film Close to You, presentato in anteprima mondiale al Festival di Toronto, Sam (Elliot Page) non è mai tornato a casa dopo la transizione di genere. Dopo quattro anni di vita a Toronto, è costretto a fare il tanto temuto viaggio di ritorno alla città di Cobourg per il compleanno del padre. Sul treno, si imbatte in Katherine (Hillary Baack), un’amica dei tempi del liceo con ora una vita complicata, e i sentimenti del loro passato irrisolto tornano in superficie.

Il loro è un incontro fortuito e sereno che porta Sam a rivelare quali sono le sue reali preoccupazioni. Ha paura di rivedere la sua famiglia dopo essere stato lontano per così tanto tempo non per paura che lo rifiutino ma a causa dei commenti e delle domande non richieste che riceverà sulla sua transizione, ritrovandosi sulle spalle tutto il peso dell’ignoranza e del disagio della famiglia.

Il film Close to You è un dramma altamente emozionante sul tornare a casa per come si è realmente ed essere trattati in maniera completamente differente da tutti quanti. Elliot Page, che funge anche da produttore, interpreta Sam e porta in scena una situazione che ha avuto modo di vivere in prima persona dopo la sua stessa transizione di genere. Il suo Sam mostra inizialmente pazienza con l’accettazione basica della sua famiglia e con la goffaggine dettate dalle buone intenzioni. Tuttavia, non passa molto tempo prima che debba mettere se stesso al primo posto e vivere come ha sempre voluto.

Con una performance onesta e pienamente sentita, Page mostra il difficile processo di Sam nel tentativo di riconnettersi con le persone da cui si è allontanato mentre diventata sempre più se stesso e nell’affrontare il terrore di tornare in uno spazio che sin dall’inizio non è così accogliente come sembra. Alla fine, è proprio Katherine la sola persona in cui Sam trova conforto mentre entrambi voltano pagina verso nuovi e più luminosi capitoli delle loro vite.

Riproduzione riservata