Entertainment

Un omicidio nella fredda Islanda da risolvere per la giovane detective della nuova serie Disney+

a murder at the end of the world serie tv disney+
Arriva A Murder at the End of the World, la nuova serie tv Disney+ con protagonista una giovane detective della generazione Z, chiamata a investigare in Islanda.

Dal 14 novembre Disney+ propone la serie tv in sette episodi A Murder at the End of the World. Al centro del racconto, scritto e diretto da Brit Marling e Zal Batmanglij c’è un nuovo tipo di detective: n’investigatrice alle prime armi della generazione Z nonché hacker esperta di tecnologia di nome Darby Hart (Emma Corrin).

Darby e altri otto ospiti sono stati invitati da un miliardario solitario (Clive Owen) a partecipare a un ritiro in una località remota e affascinante. Quando uno degli altri ospiti viene trovato morto, Darby deve usare tutte le sue capacità per dimostrare che si tratta di un omicidio, contro una marea di interessi contrastanti e prima che l’assassino faccia una nuova vittima.

Un mistero da svelare

La tecnologia all'avanguardia si scontra con la risoluzione dei crimini nella serie tv Disney+ A Murder at the End of the World, lucido thriller psicologico che segue una giovane hacker sulla pista di un assassino in un ritiro islandese.

La serie in sette parti vede l'attrice premio Golden Globe Emma Corrin interpretare Darby Hart, un eccentrico genio informatico ossessionato dai casi di vero crimine. "Ricordo di aver ricevuto le sceneggiature e di averle lette con avidità. Ho pensato che avesse alcuni dei migliori colpi di scena che avessi mai letto", ha ricordato entusiasta Emma Corrin, attrice che si identifica come non binario e usa per sé i pronomi "they/them".

Darby, la protagonista della serie tv Disney+ A Murder at the End of the World, ha subito il fascino delle storie di crimini crescendo con il padre coroner, e così, quando il corpo di una donna non identificata è stato trovato vicino alla sua città natale nell'Iowa, si è unita al collega investigatore amatoriale Bill Farrah (Harris Dickinson) per cercare di indagare.

Dopo diversi anni, Darby ha scritto un libro, The Silver Doe, sui loro ritrovamenti e, dopo un reading in una libreria, riceve un invito dal celebre miliardario della tecnologia Andy Ronson (Clive Owen) che desidera che si incontri con altri innovatori per discutere su come potrebbero utilizzare le loro varie competenze per salvaguardare il futuro dell'umanità. Tra il gruppo ci sono un regista, un astronauta e un attivista, insieme alla enigmatica moglie di Andy, la programmatrice Lee (Brit Marling), eroina di Darby.

Poco dopo l'arrivo degli ospiti in una sontuosa residenza nella wilderness islandese, uno di loro muore e Darby, scioccata, crede che sia stato un omicidio. Mentre cerca di mettere insieme prove per smascherare l'assassino, il numero delle vittime aumenta, mentre i flashback rivelano di più sulla sua inquietante prima indagine con Bill.

"Mi hanno sempre affascinata gli investigatori amatoriali", ha spiegato Brit Marling, che ha anche diretto e co-creato la serie con il collaboratore Zal Batmanglij. "E sono affascinata dai ritiri tecnologici di lusso, che sono i centri del potere oggi. In un mistero di Agatha Christie, gli omicidi avvengono in una casa di campagna. Volevamo ambientare il nostro omicidio dietro alle spalle di persone che investono nel futuro".

Per Emma Corrin, l'opportunità di interpretare un ruolo molto diverso come l'investigatrice determinata Darby è stata un'occasione che non poteva cogliere al volo. "Tutti i personaggi sono tridimensionali. Darby è un'investigatrice giovane, strana e unica, ma è anche relazionabile e vulnerabile", ha dichiarato l’attrice, che ha interpretato la principessa Diana nella quarta stagione di The Crown. "Sente paura e confusione ed è imperfetta: bon è un’investigatrice infallibile e invincibile".

Il poster della serie tv Disney+ A Murder at the End of the World.
Il poster della serie tv Disney+ A Murder at the End of the World.

UN TOCCO FUTURISTICO

La storia tv Disney+ A Murder at the End of the World mette anche in luce le complessità dell'intelligenza artificiale - o "intelligenza alternativa", come la descrive il personaggio di Andy Ronson. L'assistente IA del magnate, Ray (Edoardo Ballerini), è una presenza frequente nel racconto. "Abbiamo fatto molte ricerche su questo mondo", ha rivelato il co-creatore Zal Batmanglij. "Non volevamo spaventare le persone con la scienza, ma volevamo esplorare i problemi e i benefici intrinseci della tecnologia".

Ed Emma Corrin ha ammesso che la serie tv propone riflessioni su quali innovazioni potrebbero essere possibili. "È spaventoso il modo in cui Britz e Zal riescono a mettere nero su bianco qualcosa che è nell'etere e quasi a prevederlo", ha sottolineato l’attrice. "La serie guarda avanti su ciò con cui stiamo facendo i conti ora in termini di ansia esistenziale e su un mondo in cui la tecnologia gioca un ruolo importante nella nostra vita".

Anche i paesaggi innevati dell'Islanda giocano un ruolo chiave nel dramma, e Emma Corrin ritiene che la scelta delle location per le riprese abbia contribuito al senso di costante minaccia che si avverte. "Le condizioni climatiche erano davvero estreme. Il nostro primo giorno è stato in una bufera di neve su un lago ghiacciato, e abbiamo usato le motoslitte per spostarci", ha ricordato. "Ma non sopporto il freddo. Inoltre, stavo recitando con un accento americano e la mia bocca era così fredda che non riuscivo a muovere le labbra".

A Murder at the End of the World: Le foto della serie tv

1/13
2/13
3/13
4/13
5/13
6/13
7/13
8/13
9/13
10/13
11/13
12/13
13/13
PREV
NEXT
Riproduzione riservata