Entertainment

A casa tutti bene: arriva su Sky la serie tv di Gabriele Muccino

La prima serie tv di Gabriele Muccino
18-11-2021
Giulia Bocchi
Rivalità familiari, storie che si intrecciano e un cast corale: il reboot televisivo del film di Gabriele Muccino A casa tutti bene è (davvero) in arrivo: guarda il trailer e scopri tutte le anticipazioni

Con i suoi 9,1 milioni di euro, è stato un campione di incassi e, dopo il film, A casa tutti bene diventa una serie tv. Anzi, lo è già diventata, al punto che l’uscita del trailer, oltre a mostrare (tante) prime immagini dello show, indica anche la data di uscita, ovviamente su Sky, dal momento che si tratta di una produzione Sky e Marco Belardi per Lotus Production (società di Leone Film Group).

Era infatti il 2018 quando Gabriele Muccino diresse A casa tutti bene, pellicola che oltre a spopolare al box office italiano, si aggiudicò diverse candidature a premi importanti come i David di Donatello e i Nastri d’Argento. Due anni dopo, nell’estate 2020, il regista annuncia il suo primo progetto televisivo, rivelando che si tratta proprio del reboot del film.
Le riprese della serie sono cominciate nella primavera 2021, ma le promesse sono state mantenute. Ormai, A casa tutti bene – La serie, è davvero vicina: ecco tutto quello che devi sapere mentre cominci il conto alla rovescia.

Di cosa parla la serie

Esattamente come il film di cui è l’adattamento televisivo, A casa tutti bene è un dramma familiare. Lo stesso Gabriele Muccino ha scritto la sceneggiatura della serie, insieme a un team di autori composto da Barbara Petronio, Andrea Nobile, Gabriele Galli, Camilla Buizza, che hanno unito le forse per raccontare la storia di una famiglia numerosa, composta da due rami che si fanno la guerra.

La sinossi ufficiale della serie, infatti, recita così nell’incipit: «La famiglia è il porto sicuro dove crescere e nel quale trovare rifugio. Ma può facilmente trasformarsi nel principale ostacolo alla felicità individuale. Ci si strugge spesso nell’eterno e frequente dilemma se restare o lasciare. Rassegnarsi a ciò che ci rende infelici o cercare di migliorarlo».

Quando esce la serie

È proprio con la pubblicazione del trailer che è stato resa nota anche la data di uscita di A casa tutti bene. La serie di Gabriele Muccino era stata presentata alla Festa del Cinema di Roma come evento speciale. Il family drama esordisce il 20 dicembre 2021 su Sky Serie (uno dei canali di Sky, che durante l’estate ha arricchito la sua offerta) e in streaming su NOW. La serie è composta da otto episodi, tutti diretti da Gabriele Muccino.
Praticamente a dicembre, tra questa serie e il revival And just like that, puoi metterti in ferie natalizie causa streaming!

La trama

La famiglia Ristuccia è da 40 anni proprietaria del ristorante San Pietro, uno dei più rinomati locali della Capitale, in zona Gianicolo. Carlo, la nuova compagna Ginevra e la sorella Sara sono sempre lì, tutti i giorni, ad aiutare i genitori Pietro e Alba nella gestione dell’attività. Il grande assente nel ristorante di famiglia è sempre stato il fratello Paolo, andato da tempo a inseguire in Francia il sogno di lavorare nel mondo dello spettacolo. Adesso Paolo, reduce da un logorante divorzio, torna a casa dei genitori sconfitto professionalmente e senza più un soldo in tasca, con la sola speranza di poter crescere suo figlio Giovanni, di 11 anni.

Anche Carlo ha una figlia, Luna, avuta dalla ex moglie Elettra. La sua compagna Ginevra mal tollera il suo passato sentimentale, anche perché non è mai stata davvero accettata dalla famiglia Ristuccia, che la considera come una rovina famiglie. Anche Sara è sposata con Diego, che però le è infedele.

Un giorno, però, un avvenimento gravissimo e rimasto segreto per decenni torna a sconvolge gli equilibri familiari. I Mariani, un altro ramo della famiglia, reclamano un posto all’interno dell’attività, minacciando di far riemergere un terribile segreto dal passato dei Ristuccia che ancora oggi ha delle profonde conseguenze nelle vite dei nostri protagonisti.

Il cast della serie

Mai come in questo caso è azzeccato parlare di cast corale. Quello di A casa tutti bene, infatti, è davvero molto ricco e importante, poiché il regista Muccino ha selezionato tanti interpreti speciali per la versione televisiva del film.

La famiglia Ristuccia

Laura Morante (Lacci, Ciliegine, Ricordati di me) e Francesco Acquaroli (Fargo, Suburra - la serie, Alfredino – Una storia italiana) guidano il cast nei ruoli di Alba e Pietro Ristuccia, proprietari del ristorante San Pietro, a Roma, e genitori di Carlo, Sara e Paolo interpretati rispettivamente da Francesco Scianna (Baarìa, La mafia uccide solo d’estate, Latin Lover), Silvia D’Amico (The Place, Hotel Gagarin, Christian) e Simone Liberati (Petra, La profezia dell’armadillo, Suburra).

Euridice Axen (Gli Infedeli, Loro, Il Processo) è Elettra, ex moglie di Carlo, mentre l’esordiente Sveva Mariani interpreta Luna, la figlia della coppia, legata a Manuel, il cuoco del San Pietro interpretato da Francesco Martino (L’oro di Scampia, Catturandi – Nel nome del padre). Nei panni di Ginevra, attuale compagna di Carlo, Laura Adriani (Tutta colpa di Freud, Non c’è più religione). Antonio Folletto (Gomorra – La serie, Capri-Revolution, I bastardi di Pizzofalcone) è invece il compagno di Sara, Diego.

La famiglia Mariani

A comporre la famiglia Mariani, cioè un altro ramo dei Ristucci, ci sono Paola Sotgiu (Suburra – la serie) che interpreta Maria Mariani, sorella di Pietro e madre di Sandro e Riccardo Mariani, cui danno volto Valerio Aprea (Boris, Figli, Smetto quando voglio) e Alessio Moneta (1992, Baciami ancora). Emma Marrone, che aveva già esordito come attrice in un’altra pellicola di Muccino, Gli anni più belli, interpreta la compagna di Riccardo, Luana. Milena Mancini (La terra dell’abbastanza, A mano disarmata) sarà Beatrice, la compagna di Sandro.

Il resto del cast

Nel cast anche il giovanissimo Federico Ielapi (Pinocchio, Quo vado?, Tutti per 1 – 1 per tutti), Maria Chiara Centorami (Come saltano i pesci, Universitari – Molto più che amici) e Mariana Falace (Gli anni più belli, Si vive una volta sola).

Riproduzione riservata