Segnalazioni aperte per i Diversity Media Awards: è possibile votare il prodotto media preferito

10-01-2023
Fino al 31 gennaio 2023 sono aperte le segnalazioni per l’ottava edizione dei Diversity Media Awards, che si svolgeranno nella primavera 2023. È possibile indicare i nomi dei prodotti digital, delle serie, i podcast, i programmi tv, i creator e i personaggi preferiti che affrontano i temi dell'inclusività e della lotta per i diritti

Ideati da Diversity, la fondazione impegnata nel diffondere la cultura dell’inclusione, i Diversity Media Awards sono i premi annuali dedicati ai personaggi e i contenuti media che contribuiscono a una rappresentazione valorizzante della diversità nel campo del genere e dell'identità di genere, dell'orientamento sessuale ed affettivo, dell'etnia, del confronto generazionionale e della disabilità.

VEDI ANCHE

Il valore della diversità: intervista a Francesca Vecchioni

Culture

Il valore della diversità: intervista a Francesca Vecchioni

«Il messaggio dei Diversity Media Awards è fare in modo che i media rappresentino tutte le diversità in maniera responsabile, autentica e più corretta possibile, dando loro la visibilità che meritano. Le pecche dei nostri media principalmente sono due: la visibilità e la corretta narrazione. Questo perché non sempre riescono a mostrare le persone, né tantomeno a mostrarle in maniera valorizzante», ha spiegato Francesca Vecchioni, presidente della Fondazione Diversity e ideatrice degli awards.

A questo link è possibile segnalare il miglior prodotto digital, la miglior serie tv italiana/straniera/kids, il miglior programma radio e/o podcast, il miglior programma tv, la migliore campagna pubblicitaria, il miglior creator dell’anno, il miglior film italiano e il personaggio dell’anno che quest'anno ha affrontato temi quali femminismo ed empowerment femminile, diritti LGBTQIA+, salute mentale, disabilità, lotta al razzismo, dialogo intergenerazionale. Anche The Wom può essere inserito tra le segnalazioni, nel campo dei prodotti digital.

Ogni contributo è fondamentale per costruire un mondo più inclusivo, un mondo che parte anche dai media!

Riproduzione riservata