A Milano l’evento partecipativo “My Hidden Ego” di Monica Silva, fotografa che ritrae il sé interiore

Fino al 23 giugno 2024, l'Atelier Cisterne della Fabbrica del Vapore di Milano ospita My Hidden Ego, progetto ideato dalla fotografa italo brasiliana Monica Silva che unisce arte, psicologia e introspezione

Un'esperienza per guardarsi attraverso occhi nuovi, e forse per scoprire un lato di sé ancora poco esplorato. Un ego nascosto, che può finalmente rivelarsi. Nasce con questa idea il progetto My Hidden Ego della fotografa italo-brasiliana Monica Silva.

Artista celebrata in tutto il mondo, Monica Silva esprime attraverso i suoi ritratti una spinta evolutiva influenzata dall'eredità della tribù Guarani e dall'infanzia trascorsa a San Paolo, in Brasile. Da oltre 35 anni vive in Italia, dove si è dedicata al mondo musicale e dell'intrattenimento realizzando copertine di album e ritratti di personaggi celebri.

Oggi, alla Fabbrica del Vapore di Milano, Monica Silva offre l'opportunità ai visitatori di ricevere un suo ritratto, ma non una semplice fotografia: un'esperienza capace di far emergere i lati più nascosti del proprio io.

Attraverso diverse sessioni fotografiche, l’artista guiderà i partecipanti in un percorso di valorizzazione della propria individualità, facendola emergere attraverso domande introspettive, styling e un profondo approccio empatico.

Come partecipare a "My Hidden Ego"

My Hidden Ego è un evento che si sviluppa attraverso la formula di open studio: il pubblico può sia assistere che prendere parte alle sessioni fotografiche come performance artistica live, lasciandosi coinvolgere in una camera oscura dove, grazie a una serie di speciali stimoli sensoriali, sperimenta la sensazione di portare alla luce la parte più intima di sé prima di accedere all'area dedicata agli scatti.

Il ritratto diventa così un portale verso l'interiorità che aiuta a disconnettersi dal rumore esterno e a sintonizzarsi con la propria voce interiore

Passando attraverso  la camera oscura prima degli scatti, i partecipanti hanno l'opportunità di lasciar andare l'io sociale e connettersi con il proprio sé interiore. La camera oscura amplifica il potere del ritratto fotografico, isolando i partecipanti dagli stimoli esterni in modo da favorire l'introspezione e la concentrazione su se stessi, per entrare nel giusto stato mentale ed emotivo prima di essere fotografati.

In particolare, i visitatori possono scegliere fra tre tipi di sessioni:

  • Women Thru The Lens è la sessione dedicata interamente al pubblico femminile. Le partecipanti devono prenotarsi e inviare un selfie al naturale e un video in cui raccontano le loro aspettative dall'incontro con l'artista. Prima dello shooting, vivono l’esperienza della camera oscura per connettersi con se stesse. L'artista interviene quindi con make-up e styling per far emergere una nuova personalità sotto una luce diversa.
  • Changing Partner Without Change Partner è dedicata ai ritratti di coppia senza distinzione di genere. Uno dei componenti viene sottoposto a styling per far emergere la sua personalità, mentre l'altro passa attraverso la camera oscura prima dello shooting. L'obiettivo è mostrare, anche grazie alle domande che l’artista pone direttamente alla persona, come la scoperta delle infinite possibilità dell'Io possa rinnovare il rapporto con se stessi e con l’altro.
  • 15 Minutes To Be Real, dove i partecipanti, dopo l’esperienza della camera oscura, entrano in contatto con l'artista che li accoglie in silenzio, senza interazione verbale. L'obiettivo è catturare l'io sociale in modo libero da interpretazioni artistiche, senza interventi di styling o make-up. Monica Silva può decidere di invitare alcuni partecipanti per un approfondimento individuale.

      «Ciò che rende My Hidden Ego così potente è il suo potenziale trasformativo. Connettersi con il proprio sé interiore richiede vulnerabilità e coraggio, ma il risultato è un senso di liberazione e una maggiore consapevolezza di sé. I ritratti che creo sono una testimonianza di questo viaggio interiore, un tributo alla forza e alla resilienza dello spirito umano. La mia speranza è che le persone siano ispirate a intraprendere il proprio percorso di scoperta di sé, abbracciando la propria autenticità e vivendo in modo più allineato con i propri valori e desideri più profondi. È un invito a onorare e amare se stessi nella propria interezza, seguendo il proprio io interiore», ha commentato Monica Silva.

      Grazie a questo processo di preparazione, il ritratto diventa così un'occasione di connessione profonda con se stessi

      Un’esperienza individuale, gratuita e aperta a tutti, dove scoprire come - grazie ai sensi - sia possibile entrare in contatto profondo con le proprie emozioni e riscoprirle attraverso le immagini.

      My Hidden Ego è promosso dal Comune di Milano e da Fabbrica del Vapore. Al fine di consentire ai partecipanti di vivere al meglio questa esperienza, per partecipare alle sessioni fotografiche “Women Thru The Lens” e “Changing Partner Without Change Partner” è necessaria la prenotazione, che può essere effettuata attraverso il calendario online a questo link.

      Riproduzione riservata