Innesti: Storie di Sostenibilità, l’antologia che incoraggia la rivoluzione ecologica

Nel tumulto delle sfide ambientali, emerge una nuova pubblicazione che va oltre il tradizionale concetto di libro, trasformandosi in un'autentica esperienza. INNESTI, Storie di Sostenibilità è un'opera editoriale che incoraggia la trasformazione della parola in azione con un impatto ecologico tangibile. Il best of del primo anno del magazine online è più di un libro; è un manifesto vibrante, una fiamma di consapevolezza per una rivoluzione ecologica, un richiamo per cambiare il nostro rapporto con il Pianeta e abbracciare uno stile di vita sostenibile. Ecco perché ve la consiglio

Il magazine online INNESTI non ha solo creato un libro: ha sintetizzato un capitolo tangibile di cambiamento, dove ogni parola racconta una storia ispirazionale o aiuta a capire alcuni concetti legati all’ambiente in ottica divulgativa, incoraggiandoci a muovere un passo verso un futuro più verde.

Questa pubblicazione nasce dalla profonda riflessione di Ungaretti che dovremmo tutti fare nostra: “Sono un frutto d'innumerevoli contrasti d'innesti“.

L’innesto tra uomo e natura dovrebbe solo rendere entrambi più resilienti e forti, creando valore attraverso la connessione di elementi diversi. L'innesto è un atto così semplice, ma allo stesso tempo profondamente significativo, dove il gesto umano diventa la nota chiave di una melodia costruttiva e non distruttiva.

È proprio così che dovremmo percepirci: una nota di una sinfonia e non i direttori d’orchestra.

Cosa troverete nell’antologia?

Troverete un'assemblea di voci, volti, testimonianze, ambiti di ricerca, pratiche e progetti, luoghi che mostrano che il cambiamento è già in corso e che ispirano il lettore a fare lo stesso.

Inoltre, con 192 pagine di carta Favini Crush Uva da 120 gr, ogni copia prova a compensare il suo impatto con un atto di sostenibilità, contribuendo alla riforestazione in collaborazione con ZeroCO2. Il processo di produzione di questo tipo di carta permette la sostituzione del 15% della cellulosa proveniente dagli alberi con sottoprodotti dell'uva. Certificata FSC e OGM free, contiene il 40% di cellulosa riciclata post consumo e riduce la sua impronta di carbonio del 20%.

L'antologia può essere acquistata qui.


Federica Gasbarro collabora con The Wom in modo indipendente e non è in alcun modo collegata alle inserzioni pubblicitarie che possono apparire all'interno di questo contenuto.

Riproduzione riservata